Pandur: “Verona è il posto perfetto per me”

VERONA – Giornata di presentazione per Ivor Pandur, portiere classe 2000 arrivato al Verona dal Rijeka. Il croato ha esordito in Coppa Italia contro il Venezia, con il passaggio del turno che è arrivato in gran parte grazie alla sua specialità: parare i rigori. “Con il Venezia penso di essere stato fortunato – ha spiegato il croato – ma prima della partita lavoro sempre sui rigori ed ho fatto del mio meglio. Per me è importante che vinca la squadra, non importa se gioco io, Silvestri o Berardi. Devo e voglio imparare tutto e lavoro insieme per farlo, osservo Silvestri e sono sicuro che migliorerò. Il mister? Con Juric parlo un po’ in italiano un po’ in croato, lui vuole che tutti imparino la lingua. Qui il calcio è diverso rispetto alla Croazia, è più veloce e i giocatori sono più forti. Un campionato competitivo che ritengo il migliore al mondo. Idoli? Casillas e Buffon, ma ora mi piacciono molto Ter Stegen e Alisson“.

Roma, caso Diawara: respinto il ricorso, rimane 3-0 con Verona

Verona-Roma, respinto il ricorso dei giallorossi

Sul lavoro svolto svolto con il preparatore Cataldi: “È una gran persona che ti fa lavorare duro, ma poi vedi i miglioramenti. Cura molto i particolari e lo si vede con Silvestri, che penso sia il miglior portiere in Serie A: qui sono nel posto giusto“. Sulla trattativa che lo ha portato al Verona: “Lo staff mi ha seguito per un anno, poi lo stesso Cataldi ha dato l’ok al mio acquisto. Tutti qui si sono comportati benissimo sin dal primo giorno. Obiettivo Nazionale? Certo, penso che se continuerò a lavorare così potrò raggiungerla. Ho scelto Verona perchè ho sentito che credevano in me e quindi ce la metterò tutta per diventare in futuro il titolare di questa squadra. Perchè il numero 25? Lo avevo al Rijeka e rappresenta l’inizio della mia carriera” ha chiosato Pandur.

<!–

Gioca gratis con Mister Calcio Cup – 11 in campo, il fantasy game di calcio del Corriere dello Sport-Stadio. Fai la tua formazione e vinci i fantastici premi in palio. Iscriviti ora! Gioca!

–>

Precedente Lazio, Lulic è tornato! Inzaghi ritrova il capitano a pieno regime Successivo Parma, Brunetta: "Ho avuto il Coronavirus, ma sono felice per l'esordio"

Lascia un commento