Napoli, Di Marzio: “Insigne? Il club non lo vuole tenere”

NAPOLI – “Insigne? Gli affari si fanno in due. Forse il Napoli non vuole tenerlo per la questione dell’ammutinamento. Questo è il ‘sospetto’ di Gianni Di Marzio, ex allenatore azzurro intervenuto ai microfoni di ‘Radio Marte’: “Un giocatore di 30 anni che è stato Campione d’Europa ed è capitano di una squadra non si può portare in scadenza – ha detto durante la trasmissione ‘Marte Sport Live’ -, il contratto andava rinnovato già lo scorso maggio o giugno. Evidentemente il Napoli non lo vuole tenere”.

Le prospettive del capitano

Così invece sulle prospettive di Insigne: “Cosa può fare ora? Pare che le cifre del suo contratto eventuale con il Toronto siano nette. Sarebbe una sconfitta per il calcio italiano per quanto mi riguarda. Ma se vuole dare una vita diversa ai figli – ha aggiunto Di Marzio – si mette a posto per sempre, perché se investirà bene i soldi guadagnati camperà per due generazioni.

Napoli, Antonelli sicuro: “Con la Juve senza il nuovo difensore”

Il mercato di gennaio

Si passa poi al mercato di gennaio, con il club di Aurelio De Laurentiis che cerca un rinforzo per il reparto arretrato e ha messo nel mirino Tuanzebe, difensore inglese dell’Aston Villa (dove gioca in prestito dal Manchester United): “Giocatore forte fisicamente e di testa ha assicurato Di Marzio – ma in Italia non si adeguerebbe subito. Sono giocatori che il Napoli deve prendere in prestito e basta, al massimo poi da riscattare. Con Anguissa il Napoli è stato bravo ma anche fortunato. La sua squadra era retrocessa e non voleva giocare lì. Bisogna cercare l’occasione giusta.

Un ko che ancora brucia

Infine spazio per il rimpianto, ricordando un ko che ancora brucia:Napoli-Verona il peggio del 2021? Non mi sembra logico perdere contro una squadra che non aveva nulla da vedere con la classifica. Erano venuti a vedere Napoli, noi non abbiamo nemmeno giocato. Abbiamo perso 40 milioni e la Champions League, questa sconfitta – ha concluso Di Marzio – mi è rimasta ancora addosso.

Precedente Arsenal-City, riflettori puntati sul primo tempo Successivo Quarti di Champions e non solo: il 2021 delle Women e i record per il nuovo anno

Lascia un commento