Milan, riecco Leao dal 1′. Saelemaekers e Messias si giocano il posto

Bakayoko è favorito su Krunic come partner di Tonali a centrocampo. Per Rebic possibile uno spezzone di gara

Turnover per il Milan a Venezia? Sì, nei limiti del possibile. Molte delle decisioni di Stefano Pioli sono obbligate, viste le tante assenze per Covid e i problemi in difesa. Negli altri reparti, però, c’è la possibilità di scegliere, e il tecnico rossonero può permettersi di far rifiatare qualche giocatore in un periodo particolarmente denso di partite. Partiamo dal reparto arretrato, dove è tutto confermato rispetto al match con la Roma: davanti a Maignan giocheranno Florenzi, Kalulu, Gabbia e Hernandez. A centrocampo, il Tonali visto contro i giallorossi è inamovibile: accanto a lui dovrebbe toccare a Bakayoko, con Krunic pronto a entrare dalla panchina.

Attacco

—  

Più complesso il quadro in attacco. Non tanto per il centravanti – Ibrahimovic si riprenderà il posto dal titolare nell’ideale staffetta con Giroud – quanto per i tre uomini alle spalle di Zlatan. Brahim Diaz è apparso in ripresa contro la Roma e si muoverà alle spalle della prima punta, mentre a sinistra è probabile il rientro di Leao dal primo minuto: il portoghese non è ancora al 100% ma sta meglio di Rebic, che comunque potrebbe avere a disposizione uno spezzone di gara, soprattutto qualora il punteggio del Penzo lo permettesse o richiedesse. E al destra? Se c’è Leao sull’altro lato, diventa complicato immaginare la presenza contemporanea di Messias, per motivi di equilibrio tattico: più facile che a quel punto tocchi a Saelemaekers riprendersi la fascia prediletta.

Precedente Il c.t. della Costa d’Avorio: “Kessie? Se lo fai riposare ti tiene il muso” Successivo Roger Milla vs Paesi maghrebini/ "Non sono africani, giochino in Europa!"

Lascia un commento