McKennie, notte da stella: l'esultanza polemica dopo il gol con gli Usa

Weston McKennie è tornato. Nel big match contro il Messico valido per le qualificazioni mondiali della zona Concacaf, il centrocampista della Juve si è ripreso la sua Nazionale al netto di una prestazione da protagonista e un gol pesantissimo. Si tratta della terza rete nelle ultime cinque partite giocate dallo statunitense, che con l’esultanza si è voluto togliere qualche sassolino dalle scarpe. 

McKennie zittisce i tifosi: il gesto dopo la rete al Messico

La vittoria per 2-0 mantiene gli Stati Uniti in corsa per la qualificazione ai Mondiali: gli Usa sono in testa, davanti al Messico per differenza reti con 14 punti. A cinque minuti dalla fine, è stato McKennie a segnare il raddoppio, approfittando di un rimpallo e battendo Ochoa. Niente esultanza alla Harry Potter per il Maghetto, che non ci ha pensato due volte e si è puntato il dito alle labbra, correndo verso le tribune e mimando il gesto di zittire i tifosi. Il riferimento è alle polemiche dei mesi scorsi, quando aveva subito una sospensione da parte dalla Federazione statunitense per violazione del protocollo Covid

Precedente Francesco Totti difende Jorginho: “E’ un campione. Non è facile segnare i rigori” Successivo Roma e Juve, regista cercasi. Ma arrivare a Zakaria e Tchouameni non è facile

Lascia un commento