La Juve lo scrive sui numeri: i messaggi della Signora contro il razzismo

Su ogni cifra una statistica di denuncia, nell’ambito della Giornata Internazionale contro la discriminazione razziale

Nelle partite di questo fine settimana le giocatrici e i giocatori della Juventus porteranno addosso dei numeri di maglia particolare, in versione customizzata secondo quanto permesso dal regolamento di Lega. Su ogni numero un messaggio, una statistica (basata su ogni cifra dei numeri di maglia, da 0 a 9) per fotografare la piaga del razzismo. È un’iniziativa della Juve, molto presente su temi di questo tipo nell’ambito del percorso “Differences Make The Difference”, in occasione della Giornata Internazionale contro la discriminazione razziale di domenica 21 marzo. Anticipata già nel pomeriggio del sabato dalla partita di Juventus Women contro la Fiorentina.

I numeri

—  

Su ogni cifra è stampato un messaggio in serigrafia partendo da quel numero.

o: Zero giorni senza un’azione razzista in Italia

1: Una persona nera su tre in Europa subisce una discriminazione raziale

2: Negli Usa le famiglie nere hanno più di 2 volte probabilità di soffrire di insicurezza alimentare rispetto ai bianchi.

3: Gli americani neri vengono uccisi dalla polizia 3 volte di più dei bianchi.

4: In Italia solo il 4% dei crimini per odio è stato condannato.

5: Circa il 5 % degli europei neri ha vissuto quella che ha percepito come violenza razzista.

6: Negli Usa, circa sei persone nere su dieci o più affermano di non essere trattati allo stesso modo dei bianchi in merito ad assunzioni, retribuzioni e promozioni; quando richiedono un prestito o un mutuo; nei negozi o nei ristoranti; quando votano alle elezioni; quando hanno bisogno di un trattamento medico.

7: In Europa, il 7% delle vittime non ha denunciato un’aggressione razziale per la preoccupazione di non essere creduta.

8: Nel 2019 il razzismo e la xenofobia sono state le motivazioni alla base di oltre 800 crimini d’odio in Italia.

9: Nove americani su dieci ritengono che il razzismo e le violenze della polizia siano un problema per il Paese.

Precedente Pirlo: "CR7? Ha ancora un anno di contratto. Domani Morata e Kulu titolari" Successivo Gasp rilancia l’Atalanta nella corsa per le prime 4: "Essere lì con le big è già tanto"

Lascia un commento