Juve verticale, Napoli avvolgente: l'analisi della sfida

TORINO – Come in un remake cinematografico, il copione di Juventus-Napoli sarà simile (non uguale) a quello di Napoli-Juventus. Al contrario di quanto accade quando un film di successo viene riproposto, però, non è detto che il finale sia lo stesso: Massimiliano Allegri e i giocatori bianconeri faranno di tutto per capovolgerlo, trasformando la sconfitta per 2-1 subita al Maradona l’11 settembre in una vittoria che rilancerebbe con forza le ambizioni juventine nella corsa Champions. Diversi, di sicuro, saranno gli attori. A Napoli la Juventus era scesa in campo priva di sei sudamericani, rientrati il giorno prima dalle qualificazioni mondiali, mentre Luciano Spalletti aveva tutti i titolari a disposizione. Allegri dovrà far fronte ad assenze importanti anche domani, Chiellini positivo al Covid e quasi certamente Bonucci, alle prese con un affaticamento muscolare, ma stavolta sarà il Napoli ad avere il cast ridotto all’osso, tra Coppa d’Africa (Anguissa, Koulibaly, Ounas) e positività al Covid, che proprio ieri ha fermato anche Spalletti. Saranno assenti a causa del virus Elmas, Fabian Ruiz, Lozano, Malcuit e Osimhen, mentre Mario Rui, anche lui positivo ieri, sarebbe stato comunque squalificato (…)

Juve-Napoli, Spalletti è positivo al Coronavirus

Guarda il video

Juve-Napoli, Spalletti è positivo al Coronavirus

Precedente Probabili formazioni Milan Roma/ Diretta tv: chi farà la prima punta? Successivo N’Kono: "Onana, che orgoglio! Ora pazienza e forza mentale per scalzare Handanovic"

Lascia un commento