Il piccolo Papu Gomez che piace alla Roma. Chi è Bernard, pupillo di Fonseca

Soprannominato “Allegria nelle gambe”, il trequartista verdeoro dovette sottoporsi a una cura ormonale prima di riuscire a imporsi. Allo Shakhtar era un pupillo di Fonseca

Se sei brasiliano e sin da ragazzino ti battezzano “allegria nelle gambe”, vuol dire che il calcio è un destino quasi scontato. Il problema è che per sfondare, a maggior ragione lì dove la concorrenza è spietata, non basta essere funamboli. Ci vuole anche il fisico, soprattutto nel calcio attuale. Quel fisico che a Bernard Duarte mancava, ma su cui alla fine hanno avuto la meglio talento e tenacia. Quel talentuoso ragazzino di cui parlava tutta Belo Horizonte ma su cui nessun club ha voluto scommettere fino alla maggiore età, alla fine è arrivato alla Seleçao e al calcio che conta.

Precedente Sessegnon confida: "Sogno la Serie A. Milan? Un top club, mi è sempre piaciuto..." Successivo Fiorentina, Pradé: "Perché la Lazio si dovrebbe privare di Caicedo?"

Lascia un commento