Il Lecce cade al Tardini contro il Parma: la decide Mihaila

Lecce poco propositivo stasera e poco organizzato

Nella quinta e ultima amichevole estiva, il Lecce è caduto al “Tardini” contro un Parma più organizzato e propositivo che ha vinto 1-0. Ha deciso la gara il romeno Mihaila che nella ripresa ha battuto in contropiede il portiere Falcone su perfetto assist di Vazquez.

Nel primo tempo meglio il Parma che ci ha sfiorato il vantaggio nel finale con due ottime soluzioni. Il Lecce invece è rimasto molto contratto e poco propositivo con gli attaccanti non serviti adeguatamente. La squadra di mister Baroni non ha mai osato rimanendo con un atteggiamento passivo. I ducali invece hanno giocato con personalità sfruttando gli attacchi della profondità. La squadra di Pecchia con i due attaccanti e le mezzali a sostegno è sembrata più rodata dei pugliesi. Le occasioni più nitide per il Parma sono arrivate nel finale di primo tempo con Mihaila che al 40’ ha impegnato Falcone con un tiro pericoloso dalla distanza. Poi al 44’ l’occasione per i gialloblu’ di Benedyczak che ha sfiorato il palo da buona posizione.

Nella ripresa girandola di sostituzioni con il Lecce rivoluzionato da Baroni ma dopo 5 minuti è arrivato il vantaggio dei padroni di casa con il rumeno Mihaila che si è inserito bene su assist di Vazquez e tutto solo davanti a Falcone lo ha superato con un preciso tiro finito nell’angolo alla destra dell’ex numero uno della Sampdoria. Il Lecce ha avuto una buona reazione sfiorando il pareggio al 55’ con Helgason che si è fatto ipnotizzare da Chichizola in uscita. I due tecnici hanno effettuato altri cambi a metà ripresa con la partita che ha perso in qualità guadagnando in dinamismo visto che i sostituiti sono usciti dal campo con le gambe pesanti dopo tanti giorni di ritiro. Nel finale ritmi bassissimi e partita che non ha offerto più nulla. Lecce conclude la gara senza aver mai osato tanto rimanendo sempre passivo. Meglio il Parma in questi 90’ del Tardini. Baroni in vista del debutto in Coppa Italia dovrà lavorare molto soprattutto nel movimento dei suoi. A questo Lecce serve un centrale difensivo e un attaccante che possa integrarsi con Colombo e Ceesay. Ma questo è un messaggio per Corvino. 

Chichizola, Delprato (56′ Coulibaly), Oosterwolde, Estevez (89′ Buayi-Kiala), Valenti (74′ Circati), Romagnoli (89′ Balogh), Bernabè (56′ Man), Juric (67′ Sohm), Benedyczak (56′ Tutino), Vazquez (74′ Camara), Mihaila (67′ Bonny) A disposizione: Corvi, Borriello, Sits, Zagaritis, Inglese. Allenatore: Pecchia

Falcone, Askildsen (45′ Helgason), Di Mariano (45′ Rodriguez), Ceesay (77′ Tuia), Baschirotto (45′ Gendrey), Berisha, Listowski (81′ Ciucci), Frabotta (45′ Gallo), Gonzalez (45′ Bistrovic), Calabresi (81′ Blin), Dermaku (77′ Voelkerling). A disposizione: Bleve, Brancolini, Colombo, Strefezza, Hjulmand. Allenatore: Baroni

Arbitro: Prontera (Bologna)

Assistenti: Passeri, Cipriani

Ammoniti: Calabresi, Oosterwolde, Dermaku, Vazquez

Precedente Tutto facile per il Twente contro il Bologna: 4-1 Successivo Fagioli con Allegri ha ri-trovato l'America. E ora tocca al rinnovo

Lascia un commento