Gotti si gode la vittoria: “Il mio Spezia sta prendendo sempre più forma”

Vittoria preziosissima per i liguri in chiave salvezza. Il tecnico festeggia al meglio le 100 panchine.

Lo Spezia vince a Torino e compie un altro  passo verso la salvezza. Dopo la vittoria in casa dell’Hellas, arriva il bis al “Grande Torino”. Gotti analizza la vittoria ottenuta sul campo dei granata ai microfoni di DAZN.

MATURA

—  

Una vittoria fondamentale anche per come è maturata. Un nuovo clean sheet e la capacità di gestire con maturità il finale senza lasciarsi prendere dal panico. Lo Spezia è migliorato in gioco, autostima e consapevolezza. Un bel regalo per la 100esima in A. “Siamo riusciti a giocare la partita che avevamo preparato. Tutte le vittorie sono belle ma oggi mi è piaciuta la prestazione di squadra. Ha affrontato la sfida alla pari, adeguandosi alle caratteristiche del Torino e lottato per non prendere gol. Quel che mi piace di questa partita è che si percepisce la solidità dello Spezia. Questa è una squadra che sta prendendo sempre più forma”.

NZOLA

—  

La difesa conserva ciò che Nzola crea. Il ragazzo, vicecapocannoniere del campionato, è sinora protagonista di una stagione pazzesca. Un altro rispetto al recente passato. “A Nzola non ho detto alcunché di particolare. Le caratteristiche tecniche sono indiscutibili. Il ragazzo è fatto a modo suo, come tutti quanti noi. Ha una grande sensibilità, ha fatto tesoro del percorso dello scorso anno che gli ha dato poche soddisfazioni. Ha cambiato l’atteggiamento e modo di allenarsi. Non ho alcun merito. Se è rinato è perché ci ha messo del suo”.

RISULTATI

—  

Nelle prime sette trasferta lo Spezia aveva sempre perso. Poi ne ha vinte due di fila. La sensazione è che ci siano ancora margini di miglioramento. “Sono soddisfatto perché questo gruppo raccoglie quel che merita. Lavora e si impegna quotidianamente. A volte, in determinate partite, così equilibrate, non succede sempre di ottenere il massimo nonostante si meriti il risultato. Ho giocato partite simili, l’episodio può fare la differenza, ma occorre anche mettersi nelle condizioni di andarsi a creare un certo tipo di situazioni”.

Precedente Da Gagliardini a Caldara, da Conti a Gosens: quanti flop dopo l'addio all'Atalanta Successivo Diretta/ Scafati Pesaro (risultato finale 69-81) streaming video tv: Okoye 24 punti

Lascia un commento