FINALE Atalanta-Napoli 3-1: un super Pessina trascina i Nerazzurri in finale

I nerazzurri volano con una doppietta show del trequartista. Inutile la rete di Lozano per Gattuso. In finale contro la Juve ci sarà Gasperini

10 febbraio – Milano

93′

—  

Finice qui! L’Atalanta batte il Napoli 3-1 e vola in finale di Coppa Italia contro la Juve. Decisivo Pessina, autore di una doppietta spettacolare. Bellissimo il gol del 3-1, che ha chiuso i conti e ogni speranza di rimonta per gli azzurri, i quali ci avevano creduto dopo la rete di Lozano al 53′. Miracoloso Gollini su Osimhen al 74′. Sarebbe stato il 2-2.

91′

—  

Ammonito Insigne per un fallo di mano.

90′

—  

Concessi tre minuti di recupero: fuori Pessina, assoluto protagonista di serata, e dentro Pasalic.

89′

—  

L’ultimo ad arrendersi è Lozano: il messicano salta Toloi e Djimsiti, ma il suo destro è troppo debole. Para Gollini

87′

—  

Napoli che sembra aver mollato dopo il terzo gol dell’Atalanta. La finalissima contro la Juve dista solo pochi minuti per Gasperini.

84′

—  

Il Napoli prova a riaprirla con un tiro dalla distanza di Mario Rui: Gollini ci mette la manona e devia in angolo.

81′

—  

Il Napoli adesso per qualificarsi dovrà realizzare due reti in questi ultimi dieci minuti.

79′

—  

Sostituzione per il Napoli: fuori Osimhen, dentro Petagna.

77′ – Gol dell’Atalanta!

—  

Una magia di Pessina fa vedere la finale a Gasperini. Passaggio filtrante di Ilicic, con Zapata che spalle alla porta crea il corridoio per Pessina, il quale è bravissimo a farsi spazio fra la difesa del Napoli per poi battere Ospina con un tocco sotto delicatissimo.

74′

—  

Miracolo di Gollini su Osimhen! Il nigeriano, che era stato servito ottimamente da Demme con un cross teso dalla destra, si fa murare dal portiere nerazzurro. Napoli ad un passo dal 2-2.

71′

—  

Cambio per l’Atalanta, fuori Palomino (ammonito) e dentro Caldara.

69′

—  

Ora è un assedio dell’Atalanta! Magia di Pessina, che riesce a coordinarsi da posizione impossibile. Altrettanto bravo Ospina, a volare e a deviare la minaccia in angolo.

68′

—  

Sugli sviluppi del corner Zapata si divora il gol del 3-1! Il suo colpo di testa da posizione ravvicinata termina fuori.

67′

—  

Ilicic! Tiro dalla distanza da parte dello sloveno, ma Ospina alza sopra la traversa.

66′

—  

Atalanta di nuovo vicina al terzo gol: il cross dalla sinistra di Gosens arriva a centro area, dove Demme anticipa miracolosamente Ilicic, già pronto alla conclusione.

64′

—  

Doppio cambio per il Napoli: fuori Bakayoko e Zielinski, dentro Lobotka e Demme.

61′

—  

Che occasione per l’Atalanta! Altro errore di impostazione per la difesa del Napoli. Ilicic allarga a sinistra per Zapata, ma il tiro del colombiano viene deviato in angolo da Rrahmani.

60′

—  

Prova subito ad incidere Ilicic, che trova Gosens al centro dell’area. La girata di quest’ultimo termina fra le braccia di Ospina.

57′

—  

Giallo per Zielinski per un’entrata decisa su Sutalo.

56′

—  

Cambia anche Gasperini: dentro Ilicic e fuori Muriel.

53′ – Gol del Napoli!

—  

La riapre il Napoli con Lozano. Bakayoko sfonda sulla destra e la sua conclusione viene deviata da Palomino. La palla schizza verso il messicano, che prima trova un Gollini miracoloso ma che poi nella respinta non sbaglia.

50′

—  

Pericoloso il Napoli! Palla dentro di Bakayoko per l’inserimento di Lozano, che era riuscito a rubare il tempo alla difesa atalantina. Ma il messicano non riesce ad arrivare sulla sfera.

47′

—  

Subito in avanti il Napoli, che si guadagna un corner. Ma gli azzurri non riescono a rendersi pericolosi nei pressi di Gollini.

Ore 21.45 – Inizia la ripresa

—  

Altro cambio per Gattuso: dentro Politano e fuori Elmas

Ore 21.30 – Finisce il primo tempo

—  

L’Atalanta torna negli spogliatoi in vantaggio di due gol. Al 10′ a sbloccarla è Zapata con una sassata dalla distanza che non lascia scampo a Ospina. 5′ più tardi il colombiano trova nello stretto Pessina, che a tu per tu con il portiere avversario non sbaglia anche grazie all’aiuto del palo. Napoli mai pericoloso dalle parti di Gollini, a provarci il solo Insigne (ma mira sempre sbagliata). Ora a Gattuso serve una mezza impresa per agguantare la finale.

45′

—  

Zapata di nuovo pericoloso da dentro l’area con un tiro in precario equilibrio. Palla alta. Il Napoli riparte velocemente, ma Gollini è bravo ad uscire fuori dalla sua area e ad allontanare di piede.

44′

—  

Altra palla persa di Rrahmani, con Zapata che cerca subito la testa di Muriel. La palla finisce a Gosens, il cui cross dalla sinistra viene deviato in angolo.

43′

—  

Atalanta che chiude il primo tempo in attacco. Zielinski stende Zapata, ennesima combinazione nello stretto fra Pessina e Muriel, ma questa volta la difesa del Napoli regge l’urto.

41′

—  

Primo cambio per Gattuso: fuori Hysaj, apparso dolorante, e dentro Mario Rui.

39′

—  

Ancora pericolosa l’Atalanta, che si trova a memoria al limite dell’area. Da destra a sinistra, passando per la sponda del solito Zapata. Il cross teso di Gosens viene deviato in angolo.

36′

—  

Sfiora il tris l’Atalanta! Toloi, altissimo, combina con Muriel, il cui diagonale dalla destra esce di pochissimo al lato di Ospina.

33′

—  

Verticalizzazione per Osimhen, che di prima prova a mandare Lozano sul fondo, ma sbaglia la misura del passaggio.

29′

—  

Il Napoli è tornato a fare possesso palla nella metà campo dell’Atalanta, proprio come era accaduto prima delle reti di Zapata e Pessina. Gli azzurri però non riescono a rendersi pericolosi.

26′

—  

Ammonito Hysaj per una trattenuta su Pessina, lanciato in contropiede.

24′

—  

Il Napoli prova a reagire con Insigne, in assoluto il più pericoloso fra i suoi compagni. Il tiro dal limite del capitano viene deviato in corner dalla difesa atalantina.

21′

—  

Rischia il Napoli, con Bakayoko che la stava per combinare grossa nei pressi dell’area azzurra. Atalanta in controllo.

18′

—  

Uno-due micidiale da parte dell’Atalanta. Al Napoli adesso serve una mezza impresa.

15′ – Gol dell’Atalanta!

—  

Ha raddoppiato l’Atalanta, gol di Pessina! Zapata riceve palla da Gosens, sponda perfetta per Pessina che, a tu per tu con Ospina, non sbaglia: palo interno e gol.

13′

—  

Napoli che non aveva cominciato male, anzi. Tuttavia il gol di Zapata ha colpito la squadra di Gattuso, che non riesce a rendersi pericolosa.

10′ – Gol dell’Atalanta!

—  

La sblocca Zapata, che non lascia scampo ad Ospina con una sassata di destro dalla distanza. Lasciato troppo solo l’attaccante nerazzurro, che punisce la sua ex squadra.

8′

—  

Ancora pericoloso Insigne! Sugli sviluppi della punizione calciata da Zielinski, la palla finisce fra i piedi del capitano azzurro, il cui sinistro al volo termina di poco fuori.

7′

—  

Il primo giallo della gara va a Palomino, costretto a stendere Lozano lanciato in porta sulla destra.

5′

—  

Pericolosa anche l’Atalanta che risponde subito con Muriel: il colombiano ci prova dalla distanza e da posizione piuttosto centrale, ma la sua conclusione viene deviata dalla difesa azzurra.

3′

—  

Il primo squillo della partita è del Napoli, con Insigne che al limite dell’area riceve palla da Lozano: conclusione strozzata che esce alla destra di Gollini.

Ore 20.45 – Inizia il match

—  

Calcio d’inizio al Gewiss Stadium, si riparte dallo 0-0 dell’andata. In palio la finalissima contro la Juve.

Ore 19.45 – Le formazioni ufficiali

—  

Atalanta (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Palomino, Djimsiti; Sutalo, De Roon, Freuler, Gosens; Pessina; Muriel, Zapata. All. Gasperini

Napoli (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Maksimovic, Rrahmani, Hysaj; Elmas, Bakayoko, Zielinski; Lozano, Osimhen, Insigne. All. Gattuso

Ore 19.00 – Sorpresa Toloi…

—  

Gli ultimi cinque gol dell’Atalanta contro il Napoli sono stati realizzati da cinque marcatori differenti, ma tre di questi sono arrivati grazie ad un assist di Rafael Tolói.

Ore 18.30 – L’Atalanta porta bene a Osimhen

—  

La prima rete realizzata con la maglia del Napoli da Victor Osimhen è arrivata proprio contro l’Atalanta nella partita di campionato dello scorso ottobre. Negli otto minuti giocati nella gara d’andata, il nigeriano ha toccato solo sette palloni, nessuno dei quali nell’area avversaria.

Ore 18.00 – Atalanta, macchina da gol

—  

L’Atalanta ha mancato l’appuntamento con il gol solamente in una delle ultime 16 gare interne di Coppa Italia, realizzando almeno due gol in tutte le altre 15 partite nel parziale (2.4 di media a incontro).

Ore 17.30 – Napoli per la storia

—  

Il Napoli potrebbe raggiungere la finale della Coppa Italia in due stagioni consecutive per la prima volta nella sua storia. In tre delle ultime quattro edizioni in cui hanno raggiunto l’atto finale della competizione, i partenopei non avevano trovato il successo nelle gara d’andata della semifinale.

La presentazione

—  

La Coppa Italia per ritrovare il sorriso. Atalanta e Napoli, esattamente una settimana dopo lo 0-0 dell’andata giocata al Maradona, scendono di nuovo in campo. Al Gewiss Stadium in palio c’è la finale del 19 maggio, dove l’avversario sarà la Juventus, nel frattempo vittoriosa sull’Inter. Sia la squadra di Gasperini, reduce dalla clamorosa rimonta subita dal Torino, che quella di Gattuso – sconfitta dal Genoa – vogliono mettersi da parte le recenti delusioni del campionato.

Precedenti e statistiche

—  

Dopo lo 0-0 della gara d’andata, il Napoli potrebbe tenere la porta inviolata in due partite consecutive contro l’Atalanta per la prima volta dal 2010 (tre, tutte in Serie A). Gli azzurri non pareggiano in casa dei bergamaschi dall’ottobre 2014, in campionato – da allora tre successi per i partenopei e due per la Dea. Questa inoltre è solo la terza sfida tra Atalanta e Napoli in Coppa Italia a Bergamo: dopo il pareggio per 1-1 del 1973, il Napoli ha vinto di misura 1-0 nella gara di ritorno della finale del 1987 grazie alla rete di Bruno Giordano.

Dove vederla

—  

Atalanta-Napoli sarà trasmessa in diretta esclusiva su Rai 1 e si potrà seguire anche su RaiPlay, la piattaforma di streaming gratis della Rai. Live su Gazzetta.it

Precedente Tottenham, Mourinho: "Abbiamo segnato quattro gol, ma non è bastato" Successivo Coppa del Re, il Siviglia di Gomez è super: 2-0 al Barcellona

Lascia un commento