Da Ibra a… Ibra! 10 anni fa l’ultima vittoria del Milan al San Paolo. E poi fu scudetto

Era un altro calcio: arbitrava Rizzoli, in panchina c’era Allegri e giocavano Gattuso e Bonera. Ma Zlatan c’era, oggi come allora, e un suo gol regalò ai rossoneri la vittoria contro il Napoli, diventando il trascinatore di quel successo

Era il 25 ottobre 2010. Quel giorno il Milan tornò a vincere al San Paolo dopo un’attesa lunga 13 anni. Tre punti conquistati a Napoli che lanciarono i rossoneri al secondo posto in classifica. Una partita serrata, nonostante le tante assenze da una parte e dall’altra. Erano altri tempi: giocava ancora Gattuso, oggi sulla panchina del Napoli, negli azzurri c’era il trio delle meraviglie Hamsik, Lavezzi e Cavani, il tecnico del Milan era Allegri e l’arbitro era Rizzoli. Tutto diverso rispetto ad oggi, tranne che per un particolare: in quella partita, terminata 2-1 per i rossoneri, il gol decisivo lo segnò Ibrahimovic. E 10 anni dopo Ibra è ancora lì, ancora trascinatore del Milan.

nel segno di Zlatan

—  

Tutto il San Paolo sognava l’impresa, in quanto l’anno prima il Milan era in vantaggio per 2-0 al 90′, ma i rossoneri si fecero raggiungere da Cigarini e Denis nel recupero. In quel 25 ottobre 2010 il copione fu diverso: partita spettacolare di Oddo, subentrato ad Antonini, che servì due assist, di cui uno ad Ibra. Ecco, proprio Zlatan che oggi, a 10 anni di distanza, guida un Milan primo in classifica. Al 71’ ecco il gol decisivo: cross dalla destra di Oddo, in area c’è Ibra che, lasciato completamente solo, colpisce di testa e trafigge De Sanctis che riesce solo a sfiorare. Era solo l’ottava giornata, ma il Milan sembrava lanciato a un grande campionato, proprio come oggi. Nel 2010 Zlatan era appena arrivato al Milan che gli “aveva ridato il sorriso”, nel 2020 Ibra è tornato a guidare i rossoneri e come allora Napoli è un crocevia importante.

fu scudetto

—  

Il Milan veniva da una stagione in cui, guidata da Leonardo e dal suo 4-2-fantasia, aveva chiuso al terzo posto. Ma lo smacco più grande era stato il triplete vinto dai cugini dell’Inter allenati da Josè Mourinho. L’anno successivo, ecco il riscatto: il Milan ha vinto lo scudetto con 6 punti di vantaggio sull’Inter guidata da Leonardo, subentrato a Benitez. Quel Milan è stato l’ultima squadra a vincere lo scudetto prima del dominio della Juve che, ormai, va avanti da 9 anni. Oggi i rossoneri hanno un déjà-vu: sono primi, giocheranno a Napoli (dove non vincono, appunto, da 10 anni) e potrebbero interrompere l’egemonia dei bianconeri. Un qualcosa che il Milan nella sua storia ha vissuto più volte.

oggi meglio di 10 anni fa

—  

Zlatan Ibrahimovic, unica costante tra ieri e oggi (a cui potrebbe aggiungersi Bonera, 10 anni fa titolare ed oggi possibile allenatore del Milan viste le positività di Pioli e Murelli) proverà a lasciare nuovamente il segno, anzi, potrebbe portare i rossoneri a fare anche meglio di quel 2010. Infatti, confrontando quella stagione 2010-11, l’ultima in cui il Milan ha vinto lo scudetto, con quella di oggi, i numeri dicono che nell’attuale campionato i rossoneri vanno anche meglio. Nel 2010-11 il Milan dopo 7 partite aveva collezionato 14 punti, perdendo anche una partita per 2-0 a Cesena (con rigore sbagliato da Ibra). Invece, in questa stagione i rossoneri hanno 3 punti in più e sono imbattuti. Al di là dei numeri, la partita col Napoli resta un crocevia importante per la stagione del Milan: nel 2020 come allora il Diavolo chiederà ad Ibra di lanciarlo verso la vetta sfatando il tabù San Paolo che dura da 10 anni.

Precedente Amazon rimedia alla gaffe: torna la foto di Totti per il suo docufilm Successivo Atletico-Barça: Simeone in striscia, Koeman non può sbagliare

Lascia un commento