Careca piange Maradona: “Era un leader, un genio. Visiterò la tomba”

“MaGiCa”: Maradona, Giordano, Careca. Era questo il mantra, la filastrocca, il trio delle meraviglie che faceva sognare i tifosi del Napoli a cavallo tra gli anni ’80 e ’90, quelli più vincenti della storia del club. Maradona e Careca erano i due che aprivano e chiudevano questo leitmotiv e tra di loro c’era un’amicizia che andava oltre al campo. Il campione brasiliano non si dà pace per la scomparsa dell’argentino e lo ha voluto ricordare ai microfoni di Enganche: “È stato un sogno giocare al fianco di Diego, nella squadra che aveva appena vinto il suo primo scudetto. Un sogno che si è avverato. Il primo incontro con Diego è stato molto emozionante. Eravamo in ritiro nel nord Italia, un fine settimana è venuto a casa mia e mi ha dato un grande abbraccio. Il lunedì successivo abbiamo iniziato ad allenarci ed è stato tutto facile. Parlavamo la stessa lingua, abbiamo trascorso quattro anni insieme. Sono molto orgoglioso di aver fatto parte della storia del Napoli e della vita di Diego”.

Ecco quanto varrebbe oggi il Napoli dell'ultimo scudetto

Guarda la gallery

Ecco quanto varrebbe oggi il Napoli dell’ultimo scudetto

Careca: “Maradona campione senza prezzo e leader vero”

“Immaginate Diego a 22, 23 o 24 anni nel calcio di oggi. Nessun club potrebbe permetterselo. Nemmeno un’intera banca sarebbe in grado di comprarlo – continua Careca –. Era un genio: quando giocavi al suo fianco, ti rendevi conto che da un momento all’altro poteva arrivarti un assist. Noi ci dovevamo allenare molto, lui aveva il dono del genio. Ci siamo divertiti. Ci sono state diverse partite meravigliose. Ricordo un assist contro la Roma e uno con il Milan. In ogni momento è stato fantastico. Diego era sempre presente, anche nei momenti più difficili, era sempre lì. Aveva delle responsabilità e lo sapeva, come noi sapevamo che poteva risolvere da solo una partita. Ma eravamo una squadra, costruita su un grande gruppo. Diego si prendeva le responsabilità e faceva ammattire i difensori, incantava tutti. Dentro e fuori dal campo era un leader nato”.

Morte Maradona, Hugo sbotta: “Manca solo che parlino di suicidio”

La promessa di Careca

Careca poi fa una promessa: “Ho intenzione di andare a Buenos Aires, andrò con mia moglie per qualche giorno.Voglio andare in Argentina per salutare Diego al cimitero. Quando venne a casa mia a San Paolo, mi disse che la prima cosa che avrebbe voluto vedere era la tomba di Ayrton Senna. Era un idolo per lui, gli piaceva molto Ayrton. La sua morte lo ha segnato molto. Ha sempre idolatrato le persone che davano gioia al mondo. Voglio andare a Buenos Aires per vedere la sua famiglia. Era un essere umano speciale, con un cuore enorme. Amava con onestà e trasparenza. Non ho parole, lo ricorderemo in eterno, non solo come calciatore, ma come persona e come amico”.

Maradona e il prezioso regalo al figlio Dieguito Fernando

In Molise si paga con le banconote di Maradona

Guarda il video

In Molise si paga con le banconote di Maradona

Precedente "Mourinho a rischio, Nagelsmann l'erede" Successivo Immobile e Lewandowski al duello: tutti i numeri dei bomber

Lascia un commento