“Anche carne e frutta… “. I regali dei laziali a Ruben Sosa per ogni gol nel derby

Il derby della verità, intervengono gli ex Ruben Sosa e Cassano.

Redazione Derby Derby Derby

13 gennaio

Nella capitale l’aria è già pesante, è ora di affrontare uno degli appuntamenti più importanti della stagione, che spesso nel corso degli anni, ha rappresentato una svolta nel cammino delle squadre. Venerdì la 18esima giornata di Serie A si aprirà con Lazio-Roma, e potrebbe realmente rappresentare la partita della “verità” per entrambe le squadre. Per i biancocelesti è l’occasione di inserirsi nella corsa alla Champions League che, in caso di sconfitta, si allontanerebbe ulteriormente e non di poco, mentre i giallorossi sono obbligati a vincere per non spegnere la fiamma del sogno chiamato scudetto. Mentre giocatori e staff sono concentrati esclusivamente sul campo, al di fuori di esso sono già iniziate le prime indiscrezioni e i primi commenti sulla partita. Opinioni contrastanti ovviamente, come quelle di due grandi ex come Ruben Sosa per la Lazio e Antonio Cassano per la Roma. Il primo, che nel derby ha segnato ben 3 gol, ha rilasciato delle dichiarazioni molto interessanti ai microfoni di TuttoMercatoWeb.com: “Ai miei tempi abitavo sulla Cassia e i giorni prima della partita contro la Roma il macellaio e il fruttivendolo mi dicevano sempre ‘se segni al derby ti regaliamo la spesa’. Nel derby non c’è un favorito, la classifica del campionato non conta. Dipende dai calciatori e ci vuole anche un po’ di fortuna”.

Cassano invece si è esposto un po’ di più, e sul canale Twitch “Bobo Tv” ha esplicitamente detto di vedere la Roma come “favorita” definendola “più squadra” e considerando la stagione della Lazio “piena di alti e bassi”. Mancano 2 giorni ma l’atmosfera è già molto calda, e nonostante il derby romano senza tifosi perda metà del suo splendore, sarà sicuramente una partita da non perdere.

Precedente Maicon, esordio col Sona rimandato? Intanto la sua maglia va a ruba Successivo Lukaku: "Contenti per la vittoria, ma dobbiamo crescere. E sulla Juve..."

Lascia un commento