Amoruso: “Sì, Leao ricorda il primo Henry. Ma Titì poi ha iniziato a farne 30 a stagione…”

Nick ha giocato insieme al francese ai tempi della Juve: “Thierry era un marziano, Rafa deve soltanto prendere consapevolezza della propria forza”

Pioli ha servito l’assist prima della sfida con il Venezia. “Leao mi ricorda Henry”. Da qui la domanda: “Ma gli somiglia sul serio?”. Nick Amoruso dice di sì, e ha giocato con Titì in quei famosi sei mesi alla Juventus nel 1997-98. Tre gol in 16 partite da gennaio in poi, un paio alla Lazio e uno al Venezia. “Era già un marziano, Rafael lo ricorda un po’”. Anche se ovviamente siamo su due pianeti differenti.

Precedente Roma, sette anni fa il derby di Totti: gol capolavoro e il selfie sotto la Sud Successivo Lazio a tutta velocità su Casale, ma prima bisogna vendere

Lascia un commento