Xavi si presenta: “Al Barcellona vincere è un obbligo”

Il destino ha fatto il suo corso. Xavi è tornato a casa ed è stato presentato ufficialmente come nuovo tecnico del Barcellona. “Arrivo preparato. Il mio DNA non è cambiato. L’idea è quella di essere protagonisti, avere palla, creare occasioni, voglio un Barcellona intenso – ha detto l’ex centrocampista – Dobbiamo recuperare tante cose, certo conoscere il club e l’ambiente è un vantaggio. Ci saranno momenti intensi, ma noi dobbiamo essere uniti e remare tutti nella stessa direzione. Dobbiamo stare tutti insieme affinché il Barcellona possa ancora una volta aspirare a vincere titoli. Anche conoscere i giocatori è un vantaggio. Busquets, Piqué, Alba e Ter Stegen sono stati miei compagni. Ringrazio anche i tifosi per il supporto che mi stanno dando“, ha aggiunto il neo tecnico blaugrana.

Xavi è tornato a casa: il Barcellona lo presenta così

Guarda la gallery

Xavi è tornato a casa: il Barcellona lo presenta così

Xavi: “Spero di restituire i titoli ai tifosi”

Xavi racconta l’evoluzione della trattativa che lo ha portato sulla panchina del Barca dall’Al-Sadd. “È stato un ritorno molto veloce, abbiamo cambiato le nostre vite in tre o quattro giorni. Mi congratulo con mia moglie che oggi compie 40 anni. Darò la mia vita perché questo funzioni. Il presidente mi ha chiamato dicendomi che ero il prescelto. Avevo un problema, ma tutti abbiamo fatto la nostra parte per risolverlo. Vedo molta illusione, le aspettative sono alte, si tratta di ottenere una prestazione immediata“, ha sottolineato Xavi. “L’obiettivo è aiutare il club a riportare a galla questa nave, divertirsi e vincere. Sono grato ai tifosi per il loro affetto, spero di restituire loro titoli o almeno con il lavoro in questo primo anno. Come vi ho detto quando sono partito da qui, noi siamo la migliore squadra del mondo e il Barça ha bisogno di essere esigenti: non puoi pareggiare o perdere, qui devi vincere”.

Xavi: “Guardiola il migliore al mondo”

Essere paragonato a Guardiola è già un successo per tutto quello che ha dato al calcio e al Barça. Per me è il miglior allenatore del mondo e ogni paragone per me adesso è un male. Saranno i risultati a dire se farò bene o no, ma per me è un successo che mi confrontino con lui“. Sugli insegnamenti di Rijkaard, Guardiola e Luis Enrique, ha detto: “Molte volte mi vengono in mente consigli di Frank, Van Gaal, Vila, mio padre, Cruyff, Guardiola, Luis Enrique…“.

Precedente Maradona jr attacca l'arbitro di Napoli-Verona e a sorpresa interviene Osimhen Successivo Juve, i flop di Morata e Kean e le conseguenze sul mercato

Lascia un commento