Xavi-Barça, incredibile dietrofront? “Non mi hanno chiamato, ma c’è tempo…”

Mancano poche ora all’inizio del Clasico tra Real Madrid e Barcellona, la partita per eccellenza in tutto il mondo anche se negli ultimi anni ha perso un po’ di appeal. Resta però una tappa fondamentale per il campionato, come ha spiegato Xavi in conferenza stampa: “Andremo lì per riaprire la Liga”. Poi l’allenatore ha parlato anche del suo futuro.

Real Madrid-Barcellona, la conferenza di Xavi

“Abbiamo l’opportunità di riaprire la Liga. Sarà la partita più importante della stagione: troveremo un Real Madrid forte e lo sarà ancora di più dopo aver eliminato la squadra più forte del mondo, il Manchester City. Oggi ci siamo allenati bene, ieri avevamo i postumi della Champions League. La squadra ha tutto l’entusiasmo del mondo per lottare per questo campionato” – ha spiegato Xavi in conferenza stampa. Poi ha proseguito: “Possano la frustrazione e l’impotenza dell’altro giorno, difficile da digerire, volgere a nostro favore. Davanti a noi abbiamo un club moralmente rafforzato. Cosa rende così competitivi i Blancos? Hanno vinto tante volte e questo dà fiducia. Dicono che sia fortuna, ma non ci credo. Hanno lavorato duro e si sono aiutati molto a vicenda. Ripeto, in tre anni hanno eliminato due volte la squadra migliore del mondo, il City. E noi in Spagna competiamo contro di loro”. Sul futuro, dopo aver più volte ribadito di voler andare via, ha lasciato un piccolo spiraglio aperto: Colloquio con Laporta? Non c’è nessun incontro, non mi hanno convocato. Non è importante. Domani giochiamo per il titolo e dobbiamo vincere. Ci sarà tempo per parlare“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente La Lega di Casini non tifa Roma ma Bayer Leverkusen Successivo Lazio, Kamada e il futuro: "La clausola sul mio contratto? Ecco la verità..."