Wenger e i piani Fifa: “Fuorigioco automatico? Possibile già da Qatar 2022”

L’ex allenatore, oggi alla Federazione come responsabile dello sviluppo mondiale del calcio, apre all’accelerazione e spiega il sistema: “Il segnale arriverà sull’orologio del guardalinee”

Arsene Wenger, ex allenatore dell’Arsenal ed oggi responsabile per la Fifa dello sviluppo mondiale del calcio, ritiene realistico che un sistema automatizzato per le chiamate del fuorigioco possa essere messo in atto entro il Mondiale 2022 in Qatar: “Credo che per allora sarà pronto – ha detto al programma Living Football Television il 71enne, che ha poi spiegato: “Automatizzato significa che il segnale verrà inviato immediatamente al guardalinee. Sull’orologio che ha al polso si accenderà una luce rossa che gli dirà se è fuorigioco oppure no”.

Basta attese

—  

Si tratta di un meccanismo che ridurrebbe i molti tempi di attesa oggi necessari per riguardare un gol: “Al momento ci sono situazioni in cui i giocatori sembrano in linea e bisogna attendere per vedere se sono in fuorigioco o meno – ha proseguito Wenger – in media il tempo che dobbiamo aspettare è di circa 70 secondi, a volte un minuto e 20 secondi, a volte un po’ più a lungo quando la situazione è molto difficile da analizzare. Molti gol vengono annullati per una questione di centimetri e dopo diverso tempo, è un peccato che i giocatori esultino per poi restare delusi”.

Precedente Hauge svela: "Haaland mi ha consigliato il Milan. Sul suo possibile arrivo in Italia…" Successivo È una Roma da sballo: vince 2-1 in casa dell'Ajax e vede la semifinale

Lascia un commento