Weah, Juve al bivio: c’è solo un modo per non salutarlo già…

Weah e il modulo Juve

Il motivo, nemmeno così nascosto e recondito, va trovato nel modo in cui viene utilizzato, o meglio, nel modulo bianconero. Quando gioca negli States è sfruttato come esterno a destra del tridente offensivo nel 4-3-3, dunque in maniera chiaramente più offensiva rispetto a come lo utilizza Allegri nel 3-5-2, in cui deve occuparsi in maniera chiara anche dell’aspetto difensivo. Aspetto, questo, che negli Usa solitamente viene assolto da Musah (centrocampista destro) e Scally (terzino destro). Lo stesso Berhalter, ct americano degli Usa, in recenti interviste ha spiegato che secondo lui il ruolo migliore per Weah è quello di esterno alto offensivo. Dunque la situazione è abbastanza lineare e semplice allo stesso modo: o il prossimo anno la Juventus cambierà modulo o ne utilizzerà a volte uno che contempli l’esterno offensivo alto, oppure sarà più lungimirante ascoltare con interesse le proposte di chi verrà bussare alla Continassa per acquistare il cartellino dell’americano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Roma, è l’ora di Abraham: De Rossi sogna di farlo giocare con Lukaku Successivo La scalata di Vicario: dalla gavetta al grande calcio e alla Nazionale

Lascia un commento