Volpati: dallo scudetto col Verona nel 1985 a vaccinatore volontario

Vinse lo storico campionato del 1984-85, poi si laureò e intraprese la carriera di dentista. Adesso, da pensionato, la scelta: “Per me è un dovere civico”

Dallo scudetto con il Verona nella stagione 1984-85 al ruolo di vaccinatore volontario in Trentino. È la storia di Domenico Volpati, 70 anni il prossimo 19 agosto, ex centrocampista anche di Brescia e Torino, che si aggregherà agli altri volontari per somministrare i vaccini anti-Covid nel centro allestito sul Lago di Tesero. Lui che è stato dentista con studi a Cavalese, in Trentino, e soprattutto a Termeno (provincia di Bolzano). In Alto Adige ha esercitato per 28 anni, prima di andare in pensione nel 2019. A partire dal 6 aprile scenderà ancora una volta in campo, questa volta per vaccinare.

Generosità

—  

“Essendo ancora iscritto all’Ordine dei medici, mi è sembrato assurdo non mettermi a disposizione – ha spiegato nell’intervista sull’edizione veneta del Corriere della Sera -. Mi sono proposto perché lo ritengo un dovere civico. Io stesso ho già fatto anche il richiamo per la seconda dose di Pfitzer”. Da calciatore, a dentista e adesso vaccinatore volontario. Il terzo tempo di Volpati sta per iniziare.

Precedente RBN - Cobolli Gigli: "Juve, presuntuoso mandare via Marotta. Paratici è un buon numero due" Successivo Saelemaekers terzino, Leao da "10": tutti gli esperimenti di Pioli, tra successi e flop

Lascia un commento