“Voglio imitare CR7”. E il piccolo Hojlund iniziò dai push up

Il bomber dell’Atalanta raccontato da suo padre, nonché primo allenatore: “Un giorno mi disse che avrebbe imitato Cristiano in tutto, e prese a fare esercizi ogni sera, anche con l’influenza. Ma quando lavorava con me…”

Il primo ricordo che ha del figlio è un pallone da spiaggia più grande di lui. Uno di quei Super Tele ultra leggeri che si caricano in macchina come prima cosa, pepita d’oro di ogni ragazzino in spiaggia dai quattro anni in su. Rasmus Hojlund ne avrà avuti un paio, forse tre, e quel giorno si mise a calciare il pallone davanti a papà Anders, il primo ad allenarlo: “Lì capii che era mancino”.

Precedente Bobby gol, grandi esordi, bimbi terribili: il gran romanzo della Juve contro le francesi Successivo L'intervento di Pogba, il forfait di Di Maria, il debutto col PSG: il lunedì parigino della Juve

Lascia un commento