Vlahovic infiamma il mercato: tutta la verità tra Juve, Fiorentina e Conte

Meravigliosamente Vlahovic. Ieri sera al Franchi è andata in scena una sublime esibizione da parte dell’attaccante serbo. Due gran bei gol per abbattere il Millan, un assist per Saponara e anche un encomiabile lavoro per la squadra. L’attaccante serbo è già arrivato a quota 10 gol in 13 partite e non ha nessuna intenzione di fermarsi. Nemmeno per prendere la rincorsa. Firenze e la Fiorentina lo amano alla follia, Dusan ricambia con prestazioni da campione. Il suo desiderio è quello di onorare la maglia anche in quelli che sono gli ultimi mesi con i viola.

Ascolta “Vlahovic abbatte il Milan e infiamma il mercato: tutta la verità su Juve, Conte, ingaggio e valutazione della Fiorentina” su Spreaker.

TRA JUVENTUS E PREMIER- Le grandi indiscrezioni sul futuro di Dusan sono partite da almeno un mese, cioè da quando Rocco Commisso lo ha ufficialmente messo sul mercato: “Vlahovic non vuole rinnovare. Allora lo vendo già a gennaio”. Il telefono dell’agente Ristic non smette di suonare, il numero delle pretendenti aumenta domenica dopo domenica. Arsenal e Manchester City hanno mostrato un certo interesse ma è il Tottenham il principale rivale della Juve nella corsa al gioiello serbo. Federico Cherubini si è attivato da tempo, il lavoro negli ultimi giorni è stato incessante. Dopo i primi contatti con la società viola, sono arrivati anche quelli con l’entourage del giocatore. Che chiede un ingaggio da circa 6 milioni di euro a stagione. La Vecchia Signora sta provando ad anticipare i tempi già nella sessione di gennaio per prendere in contropiede le rivali inglesi. La partita a scacchi è appena iniziata, Cherubini attende la contromossa del presidente Commisso. La Fiorentina, dal canto suo, spera nell’asta  per mantenere la valutazione tra i 60 e i 70 milioni di euro. Con un Vlahovic così il rischio è che il prezzo possa salire ulteriormente. 

Precedente Maradona sepolto senza il cuore: la rivelazione del medico-giornalista Nelson Castro. E c’è chi voleva rubarlo… Successivo Golden Player e Golden Boy, Lewandowski e Pedri celebrati dai loro club

Lascia un commento