Vlahovic all'ultimo respiro! Juve, 2-1 alla Salernitana: l'Inter torna a -2

Altro ambiente, l’Arechi esaurito per la prima volta in stagione, proteso a spingere la Salernitana; altra Salernitana, con sei cambi rispetto a quella uscita con le ossa rotte la sera di giovedì 4 gennaio dallo Stadium in Coppa Italia; altra Juve, con addirittura otto giocatori diversi e non tutti per scelta, visti i forfait dell’influenzato Cambiaso e di Chiesa, infortunatosi nell’ultimo allenamento, aggiuntisi a quello annunciato di Locatelli per squalifica. E altra partita e altro punteggio, ma stesso risultato: la vittoria di una Juve “altra” negli uomini e anche nella prestazione, meno lucida e precisa, ma non nello spirito. «La voglia di sacrificarsi e lottare deve essere propria di ogni Juve», ha detto a Tuttosport ieri Angelo Di Livio: e con quelle doti, oltre che con le proprie qualità, la squadra di Allegri ha conquistato la vittoria restando a -2 dall’Inter. 

Gatti e McKennie saltano il Sassuolo

La Juve ha preso subito in mano la partita, forse anche per provare a intimidire la Salernitana sfruttando il fresco ricordo del 6-1 dello Stadium, e già al primo minuto si è resa pericolosa: Yildiz ha rubato palla a Daniliuc sulla trequarti ed è entrato in area sulla sinistra, dove l’avversario lo ha tamponato colpendolo con la gamba sinistra sulla destra. Normale contatto di gioco sia per l’arbitro che per il Var (mentre Gatti nel finale di primo tempo è stato ammonito per aver colpito un avversatio sullo slancio dopo aver preso nettamente la palla in scivolata e per questo salterà la partita di domenica contro il Sassuolo. Come McKennie, ammonito nella ripresa).

Il rischio, e il possesso palla bianconero, non hanno però spaventato affatto la Salernitana, che si è difesa con ordine nella propria metà campo, concedendo poco o niente a una Juve un po’ troppo compassata nel giro palla, ed è ripartita non spesso, ma in più di un’occasione con efficacia. Come al 39’, quando Gyomber ha trovato un lancio alla Pirlo pescando Sambia alle spalle di un Kostic non troppo attento e innescando l’azione dello splendido gol di Maggiore, favorito da una certa mancanza di reattività dei bianconeri, tra quelli troppo bassi in area e quelli lenti a tornare.

Salernitana-Juve, Daniliuc su Yildiz e Gyomber-Vlahovic: per Guida tutto ok

Guarda la gallery

Salernitana-Juve, Daniliuc su Yildiz e Gyomber-Vlahovic: per Guida tutto ok

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Allegri: "Il Var è una cosa soggettiva, non ha senso discutere" Successivo È un Napoli piccolo piccolo: non reagisce allo svantaggio ed è sempre più spento