Viktor Kovalenko, chi è il sostituto del Papu Gomez all’Atalanta. Lo Shakhtar Donetsk lo libera, ufficiale

Viktor Kovalenko, chi è il sostituto del Papu. L’Atalanta ha ufficializzato l’acquisizione a titolo definitivo di Viktor Kovalenko dallo Shakhtar Donetsk.

Il centrocampista, nazionale ucraino, a Bergamo da ieri mattina per la firma fino al 30 giugno 2025 a due milioni a stagione e le visite mediche, arriva in anticipo di sei mesi rispetto alla scadenza del contratto con il club arancionero. Cui è stato riconosciuto un indennizzo di 700 mila euro.

Viktor Kovalenko, chi è il sostituto del Papu

Venticinque anni il prossimo 14 febbraio, Kovalenko, rappresentato dalla ProStar, stessa agenzia di procuratori del connazionale e neocompagno Ruslan Malinovskyi, non s’è ancora allenato con la squadra a Zingonia.

Insomma Gasperini sembra aver trovato il sostituto ideale del Papu Gomez, fino a poche settimane fa uomo squadra e oggi senza troppi rimpianti accasato in Spagna. L’ucraino è un centrocampista di lotta e di governo, i suoi inserimenti promettono gol e assist.

Fulcro della nazionale ucraina

Con la nazionale ha fatto tutto il cursus honorum fin dalle giovanili, da cinque anni è in pianta stabile nell’Ucraina di Schevchenko e adesso ne è il fulcro. 

Dovrà garantire la mobilità che forse il Papu non aveva più voglia di offrire. Potrà giocare da mediano frangiflutti. Ma all’occasione anche supportare l’azione di attacco alle spalle dei primi stoccatori.

Gli sarà concesso tempo, almeno per adattarsi a un calcio complicato e asfissiante come il nostro? Per il primo ambientamento sarà fondamentale l’aiuto del connazionale Malinovskyi. Anche con lui Gasp ha usato carota e bastone, apprezzando dribbling e tiro, non perdonando ricami e svolazzi.

Kovalenko può però dire sicuramente la sua per quanto riguarda la Champions che sta per ricominciare. Arriva il Real Madrid, altre notti magiche…

Precedente UFFICIALE: Galatasaray, dal Newcastle arriva lo statunitense Yedlin Successivo Radja Nainggolan e Claudia Lai di nuovo insieme?/ La crisi è alle spalle

Lascia un commento