Video sui social: “Mou, stasera pippiamo…”. Bufera su Zalewski e multa in arrivo

Il giovane attaccante della Roma ha partecipato a una serata che è però sfuggita di mano. E ora circola un video imbarazzante, con tanto di “dedica” a Mourinho, che in breve è diventato virale…

Una serata tra amici che, nel mondo social di oggi, diventa un boomerang. E’ quanto successo a Nicola Zalewski, attaccante della Roma e della Nazionale polacca, 19 anni, due presenze stagionali, che per svagarsi dopo giorni difficilissimi, in seguito alla morte del papà dopo una lunga malattia, è uscito con alcuni amici. La serata è però sfuggita di mano ai ragazzi perché in un video Instagram – diventato virale – si vede un amico del calciatore (il trapper “zep dembo”) dire a Mourinho: “Stasera pippiamo, Josè, stiamo a fa schifo, abbiamo pippato”. Zalewski non dice una parola, si limita a sorridere, forse nella confusione non capisce neanche perfettamente cosa dica il suo amico, che però aveva un tono di voce molto alto, ma certo l’immagine che ne esce è di pessimo gusto. Una ragazzata che ha diviso i social tra chi lo perdona vista la giovane età e il momento difficile e chi, la maggioranza, lo condanna. E in effetti, per un professionista che gioca in Serie A un comportamento del genere è inaccettabile.

A TRIGORIA

—  

Il video, ovviamente, è stato visto dalla Roma che, da sempre, è molto attenta all’atteggiamento social dei propri tesserati, soprattutto giovani. La società parlerà con il ragazzo, ma si cercherà e si sta cercando comunque di comprenderlo. Perché è giovane, è in un momento molto complicato e questo scivolone può essere “perdonato” senza gettargli la croce addosso. Magari quando riprenderanno gli allenamenti, lunedì, sarà lo stesso Mourinho, molto legato a Zalewski, a parlarci direttamente e a fargli capire che essere un calciatore professionista passa anche dall’evitare queste cose. Anzi, soprattutto da questo. Ecco perché potrebbe e dovrebbe essere multato, come da regolamento interno.

Precedente Anche il Milan studia Lucca, idea per l'attacco del futuro Successivo Collabora con Tplay

Lascia un commento