Viareggio Cup: La Rappresentativa Serie D si arrende al Bologna

BOLOGNA (4-3-1-2): Franzini; Arnofoli, Mercier, Crociati (38’ st Di Turi), Panzacchi; Schiavoni (22’ st Owusu), Maltoni Cap. (38’ st Zaffi), Corsi (1’st Casadei); Dimitrijevic (28’ st Mendes Antinoro); Mazia (38’ st D’Almeida), Anatriello. A disp.: Raffaelli, D’Agostino, Omoregie. All.: Magnani
RAPPRESENTATIVA SERIE D  (3-5-2):  Semprini; Mesisca (12’ st Sangiorgio), Lucentini, Vespa; Raucci (22’ st Fancelli), Borghesan Cap. (12’ st Menchinelli), Piazza (35’ st De Min), De Crescenzo (22’ st Murtas), Lorenzini; Prevedello (1’ st Bevilacqua), Gyimah. A disp.: Virano, Morlando, Berna, Sansò, Guidobaldi, Aceti, Mengani. All.: Giannichedda
ARBITRO: Martini di Arezzo
Guardalinee: Rizzo e Venturi.
MARCATORI: 11’ pt, 14’ st rig. e 35’ st Mazia (B), 8’ st Schiavoni (B)
Ammoniti: Anatriello (B), Mercier (B), Prevedello (R).
NOTE: spettatori 350 circa. Presenti in tribuna diversi osservatori e addetti ai lavori. Rec.: pt 0’ , st 4’

FORTE DEI MARMI – Il sogno della Rappresentativa Serie D si è infranto contro il cinismo di un Bologna che ha capitalizzato al massimo le occasioni vincendo per 4-0 l’ottavo di finale della 72ª edizione della Viareggio Cup andato in scena allo stadio “Necchi-Balloni”. I felsinei hanno sfruttato tutte le occasioni andando a segno all’11’ del primo tempo con Mazia, all’8’ della ripresa con Schiavoni, al 14’ su rigore e al 35’ sempre con Mazia che con dodici reti già realizzate ha superato il precedente record di Ciro Immobile con dieci gol nel 2010.

BUON INIZIO – La Rappresentativa è andata vicina al vantaggio e poi al pareggio nella prima frazione. Il risultato non rende onore alla prestazione della selezione della D. La sfida giocata dai ragazzi del selezionatore Giannichedda è stata combattuta ed emozionante, movimentata da continue occasioni da rete da una parte e dell’altra. Un match avvincente. Al primo giro di orologio Gyimah ha superato il portiere rossoblù ma defilato sulla sinistra non ha inquadrato la porta. Al 6’ Prevedello è stato contrastato in extremis un istante prima del tiro a botta sicura. Il Bologna è passato in vantaggio con Mazia alla prima conclusione in porta. Prima e dopo il gol la Rappresentativa ha lottato alla pari. Ad inizio ripresa il doppio colpo ferale del Bologna che ha chiuso il match. Organizzazione, concentrazione e qualità tecnica sono stati gli aspetti migliori di un gruppo di giocatori funzionali al progetto della Lnd che punta sulla correttezza e lo spirito di sacrificio per far emergere l’animo della Serie D.

ROSSOBLù CONCRETI – La concretezza e il realismo del Bologna però alla fine hanno prevalso. Una gara che può insegnare molto ai dilettanti della D che in più occasioni si sono aiutati l’un l’altro nei momenti di difficoltà, un bel segnale al di là del risultato. Questa squadra ha dimostrato di avere un’anima, non si è mai abbattuta, anzi si esaltata nelle difficoltà. A fine gara nonostante il ko rimane impressa la prestazione sfoggiata e la fase a gironi giocata alla grande dalla Rappresentativa. La faccia più bella del calcio è l’impegno di questi ragazzi che non si sono dati mai per vinti, una squadra che non ha mai chinato la testa sfoggiando un orgoglio da grande. La D è entrata nel gruppo delle migliori sedici del torneo per la nona volta in quindici partecipazioni, la terza consecutiva, a conferma che il “Progetto Giovani” della Lega Nazionale Dilettanti è efficace.

GIANNICHEDDA – Giuliano Giannichedda è rammaricato per gli episodi contrari: «Dispiace perché il passivo è troppo pesante per quello che si è visto in campo e per quanto fatto vedere dai ragazzi. Abbiamo creato tanto, meritavamo il vantaggio, siamo andati sotto alla loro prima vera occasione. Non ci siamo scoraggiati, abbiamo tentato con tutte le forze di ribaltarla ma il loro secondo gol ci ha tagliato le gambe. Ringrazio i ragazzi per la loro disponibilità, hanno dato tutto, sono usciti dal campo esausti a testa alta».

BARBIERO – Il coordinatore del Dipartimento Interregionale Luigi Barbiero, in tribuna insieme al segretario Mauro De Angelis, nelle riflessioni post gara va oltre il risultato del campo: «È stato un confronto contro una squadra forte e ben organizzata che rappresenterà un ottimo bagaglio di esperienza per tutti i ragazzi senza dimenticare che hanno disputato una fase preliminare importante. Ringraziamento tutte le società che hanno contribuito all’allestimento di questa rosa».

GLI ALTRI RISULTATI DEGLI OTTAVI Sassuolo-Siena 2-0 (36′ pt Sighinolfi, 33′ st Martini. Empoli-Carratese 4-0 (19′ pt Renzi, 29′ pt Sodero, 11′ st Panicucci, 18′ st Bonassi.  Inter-Pontedera 8-0  (20′ pt Stabile, 23′ pt Owusu , 25′ pt Perin, 32′ pt Peretti, 5′ st Esposito, 12′ Ronco (I), 30′ Curatolo (I), 35′ Curatolo (I). Genoa-Pisa 2-2 (5-4 dcr) 20′ pt Stanic rig. (P), 32′ pt Gagliardi (G); 4′ st  Rimondo rig. (G), 13′ Stanic (P). Milan Fiorentina 0-2 10′ st. Falconi, 35′ Aprili. Atalanta-Parma 4-1 14′ pt Stabile rig. (A), 26′ pt Palestra (A), 31′ pt Torri aut. (P); 7′ st Brunani (P), 12′ st Fisic (A). Alex Transfiguration-Spal 3-2 13′ pt Obasi (A), 20′ pt Lanre rig. (A), 24′ pt Onyebuchi (A); 27′ st Breit (S), 42′ st Bicki Bekem (S).

QUARTI. Domani: Inter-Empoli, Bologna-Alex Transfiguration, Fiorentina-Sassuolo, Genoa-Atalanta.

Precedente Incubo Italia: Mancini ko con la Macedonia e fuori dai Mondiali Successivo Playoff Mondiali, Galles in finale: super Bale. La Svezia passa al supplementare