Vialli, funerali privati: alle 18.30 messa a Cremona, giovedì a Roma

Si terranno nei prossimi giorni in forma privata, a Londra, i funerali di Gianluca Vialli. Mentre il mondo del calcio continua a stringersi attorno alla sua famiglia e al suo ricordo, con manifestazioni continue di affetto e gratitudine. Oggi alle 18.30 nella parrocchia Cristo Re di Cremona si terrà una messa di suffragio, mentre la sua Cremonese lo onorerà in contemporanea con una patch speciale in occasione del match con il Verona: «Mentre il nostro cuore ti ha già dedicato un grande ed eterno spazio, a Verona ti portiamo in campo con noi. I grigiorossi giocheranno con una patch speciale in ricordo di Vialli. Le maglie verranno messe all’asta e il ricavato andrà alla Fondazione Vialli e Mauro», l’annuncio della società grigiorossa. Giovedì 12 gennaio, invece, alle 17.30 presso la chiesa Santa Teresa di Gesù a Roma, si svolgerà una messa in suffragio voluta dalla Figc a cui parteciperanno il presidente federale Gabriele Gravina, il ministro per lo Sport e i giovani Andrea Abodi e il presidente del Coni, Giovanni Malagò.

Da Manchester a Brindisi: il toccante omaggio del mondo dello sport a Vialli

Guarda la gallery

Da Manchester a Brindisi: il toccante omaggio del mondo dello sport a Vialli

Qui Chelsea

Continuo il pellegrinaggio vicino a Stamford Bridge anche da parte dei tifosi londinesi di Vialli. Con il Chelsea che ha ricordato Vialli con diverse iniziative fin dall’annuncio della scomparsa della leggenda Blues: in particolare, sulle maglie indossate dai giocatori del Chelsea nel prepartita della sfida di FA Cup sul campo del Manchester City, c’era stampato il suo numero 9. Applausi durante il minuto di silenzio da parte di tutto lo stadio, commossi cori nel settore ospiti, mentre via social il Chelsea ha commentato «Ricordando Gianluca» pubblicando le immagini della squadra che entrava in campo con la maglia celebrativa e l’emoji del cuore. «Aveva un carisma unico», le parole di Pep Guardiola.

Il ricordo di Gasp

Ieri anche Gian Piero Gasperini, che ha conosciuto Vialli durante la comune permanenza alla Juventus, ha voluto omaggiarlo in conferenza stampa: «Ho fatto in tempo anche a giocarci contro da giocatore, quando vinse lo scudetto con la Sampdoria. Quando allenavo le giovanili della Juve era un esempio incredibile. Lippi mi permetteva di guardare gli allenamenti, non so se quella è stata la Juventus più forte ma è stata la squadra con più carattere, lui e tutta la squadra sono stati un esempio per me e il mio modo di vedere il calcio. Ha condizionato la mia visione del calcio». 


Precedente Milan-Roma, la moviola: Massa non regge. Ben 12 gialli, ma grazia Bennacer Successivo Juventus: altri problemi, svelato quando tornerà Vlahovic

Lascia un commento