Verona, Verdi: “Alla Salernitana ho imparato a non mollare mai”

VERONA – Giornata di presentazioni ufficiali al Verona per Simone Verdi, intervenuto oggi in conferenza stampa: “L’impatto con i compagni è stato molto positivo. Sapevo che qui avrei trovato un bel gruppo, ma non mi aspettavo di incontrare una squadra così coesa e unita: sono qui da poco più di una settimana, ma sembra quasi che sia qui da un anno – ha dichiarato Verdi Per quel che riguarda il mio fisico vengo da un periodo in cui sono stato fuori rosa al Torino, la società e l’allenatore avevano ritenuto fosse meglio così per la mia situazione, mi sono allenato da solo, ho svolto allenamenti prettamente atletici, ho lavorato poco col pallone, quindi penso sia normale che la mia condizione fisica non sia ancora al massimo. In generale comunque mi sento bene e credo che tra non molto sarò a disposizione del mister”.

A Salerno ho imparato a non mollare mai

“Con la Salernitana ho imparato a non mollare mai, sia nel calcio che nella vita. Ho imparato che credendo fortemente nei propri obiettivi, tutti possono essere raggiunti. Ripercorrere la strada di Caprari? Sicuramente credo che i trequartisti passati dal Verona abbiano sempre fatto bene. Qui personalmente ho trovato un ambiente positivo, che mi ha stimolato fin dal primo giorno. Spero di poter esprimere anch’io qui il mio 100% e lavorerò duramente per riuscirci. In passato ho avuto momenti di alti e bassi, ma sento di aver trovato al Verona un gruppo che possa supportarmi ed aiutarmi a rendere al meglio”.

Non ho un ruolo preferito

“Il mister mi ha cercato e voluto fin dal suo arrivo qui e questo senza dubbio per me è stato un elemento importante da valutare al momento della mia scelta. Il Verona – prosegue Verdi – è una squadra che gioca da sempre in maniera aggressiva e con un grande spirito combattivo. La formazione di partita in partita può variare, ma con i moduli che utilizza il mister ho la fortuna di poter giocare in tutte le posizioni. Sinceramente non ho un ruolo ‘preferito’: credo spetti a me di dovermi adattare alle esigenze della squadra. Io sono qui per fare del mio meglio e per dare il mio contributo al Verona per raggiungere il suo obiettivo“.

Non dobbiamo temere nessuno

Verdi poi parla del campionato: “Penso che molte delle squadre che lottano per il nostro stesso obiettivo si equivalgano e credo soprattutto che nessuna vada sottovalutata. In ogni caso noi non dobbiamo temere nessuno perché siamo consapevoli della nostra forza e di quello che vogliamo riuscire a conquistarci. Abbiamo trovato la giusta strada: ora dobbiamo lavorare sodo, credendo nel nostro lavoro e nelle idee del mister. Le aspettative per me non sono un peso perché mi sembra di essere arrivato nel posto giusto al momento giusto: tutto qui mi dà sensazioni positive, dalla società ai miei compagni, che so mi potranno aiutare in questa stagione. Io leader? Ho tanta esperienza e ho vissuto molti campionati, ma in realtà non sono una persona che parla molto in spogliatoio. Preferisco dimostrare sul campo quindi non so se posso definirmi o meno un leader“, conclude Verdi.

La Lazio nel segno di Immobile e Luis Alberto: Verona ko

Guarda la gallery

La Lazio nel segno di Immobile e Luis Alberto: Verona ko

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Precedente Bari, ecco Salcedo: "Inzaghi non voleva che lasciassi l'Inter" Successivo Zielinski, lo Chopin di Champions vuole un'altra grande prova

Lascia un commento