Verona, rabbia Tudor: “Potevamo vincere 3-0. Calendario folle”

GENOVA Il tecnico del Verona, Igor Tudor, è intervenuto a Dazn dopo la gara con il Genoa: “C’è rabbia ma sono anche sollevato. Per i ragazzi sono contento, si pensava che non prendessimo punti. Il calcio è questo, invece che 3-0 con quel tiro di Lasagna finisce così. Abbiamo avuto due disattenzioni e un regalo dell’arbitro che hanno riaperto la partita. E’ una pazzia fare tre partite in sei giorni, due trasferte in tre. Non è normale, faccio i complimenti ai ragazzi, non era facile per il nostro gioco. C’è da crescere fisicamente, sfrutteremo le prossime settimane per farlo”.

Il rigore è un regalo

Il rigore non va proprio giù al tecnico scaligero: “Il rigore un regalo? Non so come spiegarlo altrimenti. Cosa deve fare, tagliarsi un braccio? Correva e lo colpisce sulla mano. Già l’anno scorso c’erano queste polemiche, io da ex giocatore impazzisco per queste cose. Se uno corre non vede la palla, non si può correre a braccia unite, era 2-0 con partita finita, ma il calcio è così. Guardiamo avanti, gli arbitri devono parlare di più con gli ex giocatori di queste cose, sono dettagli molto importanti. Il trequartista e le due punte? Abbiamo viaggiato tanto, volevo freschezza e Barak libero tra le due punte. Fisicamente per questo calcio devi stare al massimo o soffri. Se ci metti tre partite in sei giorni arrivi a quella di oggi in difficoltà. Simeone? Strepitoso, professionista esemplare.  Sono contento di avere lui, Kalinic, Lasagna, Caprari, a loro sta mettermi in difficoltà”.

Precedente Genoa-Verona, le pagelle: Destro, una doppietta da 7,5. Barak fondamentale, 7 Successivo RISULTATI SERIE A, CLASSIFICA/ Diretta gol: finisce 3-3 fra Genoa e Verona!

Lascia un commento