Verona, Juric: “Bologna? Per noi è una finale di Champions”

VERONA –  “Come ci presentiamo alla sfida contro il Bologna? Siamo carichi, a maggior ragione perché vogliamo uscire da questo periodo di risultati negativi”. Lo ha dichiarato Ivan Juric, tecnico del Verona, in vista del prossimo impegno di campionato contro il Bologna: “Al tempo stesso è giusto essere consci del fatto che è qualcosa di strepitoso essere arrivati a giocarci – per il secondo anno consecutivo – la permanenza nella parte sinistra della classifica contro una squadra come il Bologna, che da anni lavora molto bene nell’allestimento della propria squadra anche grazie al proprio Direttore Sportivo Sabatini, che reputo il migliore in Italia. Questo basta a darci tutte le motivazioni di cui abbiamo bisogno, in un periodo nel quale, dati alla mano, raccogliamo meno di quanto meriteremmo. I recenti risultati derivano da alcune caratteristiche tecniche che ci mancano e sulle quali dobbiamo lavorare più che dalla ‘fame’ in sé, che pure può essere un fattore in alcune fasi di gioco, come i calci d’angolo. Cambi rispetto a Crotone? Qualcuno. Per me e per tutta la Società, questa è come una di finale di Champions League, quindi valuterò le condizioni di tutti e schiererò chi sta meglio”.

Ounas, che show: gol e assist nel 2-1 del Crotone al Verona

Guarda la gallery

Ounas, che show: gol e assist nel 2-1 del Crotone al Verona

Le condizioni della squadra

Il tecnico si sofferma sui singoli: “Kalinic sta giocando bene, anche contro il Crotone è stato tra i migliori. Gli sta mancando il gol, ma fa giocare bene gli altri attraverso un grande lavoro. Non è stato a disposizione a lungo e adesso ha giocato due gare consecutive per 90′, quindi valuteremo fino a domani le sue condizioni. Veloso si è allenato con noi,  è a disposizione, mentre Vieira no. Lovato? Non era in panchina a Crotone per scelta tecnica. Matteo mi piace, è un grande prospetto, ed è giusto che completi il suo processo di crescita con gradualità, perché può diventare un giocatore davvero importante. Calo mentale della squadra? Lo scorso anno in allenamento bastava lanciare un pallone e tutti andavano ‘a mille’, non mi serviva neanche più intervenire. Quest’anno ho detto che raggiungere questi risultati è stato più difficile e più bello proprio perché è servito un lavoro psicologico più profondo. Abbiamo ottenuto l’obiettivo alla grandissima, per il futuro però bisognerà fare più attenzione”. In merito a eventuali colloqui con il presidente, Juric replica così: “Penso che queste dinamiche, come si fa in famiglia, vadano vissute con grande spirito di vicinanza. Tutti uniti. In questo girone di ritorno, analizzando scientificamente, a noi è mancato quello che ho detto prima: tiro, dribbling e ‘cattiveria’ sulle palle da fermo. Lo scorso anno abbiamo sbloccato diverse partite su calcio da fermo, quest’anno invece ci è mancato. Per la squadra del prossimo anno bisogna pensare a quello, perché per il resto le prestazioni sono state di altissimo livello.”

Al Torino non basta Vojvoda, Dimarco firma il pareggio del Verona

Guarda la gallery

Al Torino non basta Vojvoda, Dimarco firma il pareggio del Verona

Il bilancio

A due giornate dal termine, tempo di bilanci: “Nei giudizi che ho letto e sentito si è stati troppo frettolosi, è sembrato che tutto fosse un po’ facile, ma non è così. È un periodo che non facciamo risultati e a me ‘brucia’, nonostante sia confortato dalle statistiche. L’ambiente, però, deve guardare anche a come lavorano altre squadre e capire che non è automatico lavorare bene e raggiungere risultati. Non abbiamo ottenuto quello che volevamo nell’ultimo periodo, ma le valutazioni devono essere più profonde: i risultati non si raggiungono per caso. Rispetto all’inizio dell’anno, è mancata un po’ la sensazione di poter comunque trarre il massimo da ogni situazione. In generale, i giocatori passano spesso un periodo di accettazione del mio metodo di lavoro, ma poi dopo poco volano. È andata così a Crotone e anche lo scorso anno. Quest’anno è successo con gran parte del gruppo, ma per dare il meglio serve che sia l’intera squadra a essere coinvolta. Da quando ci siamo salvati abbiamo fatto buone prestazioni ma non siamo stati in tutto e per tutto l’Hellas che avremmo voluto. Nella storia dell’Hellas ci sono concretezza e sofferenza, non bellezza fine a se stessa”.

Precedente Torino, Cairo contro Appendino: insulti e repliche Successivo Ferlaino, il Napoli e Maradona: “Segnato dalla morte di Diego”