Verona, Cioffi: “Verdi e Hrustic sono indietro, ma meglio tardi che mai”

L’allenatore dei gialloblù: “Mercato ok, ora la squadra ha una logica e posso allenare”

Queste le parole di Gabriele Cioffi nella conferenza stampa di presentazione di Verona-Sampdoria, gara di domani alle 18 al Bentegodi.

“Dopo due pareggi si deve vincere? Si vuole vincere. “Dovere” mette pressione negativa. La volontà è grande, affrontiamo una squadra molto simile a noi per il periodo che sta vivendo, ma che ha qualità. La Sampdoria è un avversario ostico. Ha messo in difficoltà Juventus, Lazio e Atalanta. È una squadra viva, allenata da un tecnico che stimo molto, e che è amato dalla piazza. Ci aspettiamo una gara difficile.

La qualità è arrivata anche a noi? Meglio tardi che mai. Sono molto contento. Però Hrustic è leggermente indietro, Verdi è invece molto indietro. Starà a noi portarli in condizione. Domani saranno in panchina.

Sappiamo che il primo tempo che abbiamo fatto a Empoli è inammissibile. Siamo alla ricerca di equilibri, sapendo che siamo andati a cercarli andando a cento all’ora, e sapendo che o lo faccio io o lo fa un altro questo lavoro, e quindi lo faccio io.

Come valuto il mercato? È’ stata un’estate non preventivata. Non mi sono mai sentito un elemento giudicante. Io esprimo le mie idee, e mi viene replicato, com’è giusto che sia. Questa squadra ha chiuso un ciclo, e per aprirne un altro ha bisogno di competizione: è arrivata dietro, e anche in mezzo. Adesso vedo una logica che è stata ritrovata. Ora posso allenare.

Quello che siamo oggi non è ancora sufficiente, e quindi vogliamo far meglio attraverso il lavoro. Non sento ancora mio abbastanza il Verona: i ragazzi devono lavorare di più, così come io insieme al mio staff.

Per tanti motivi non c’è potuta essere progettualità, e per questo motivo sono andato a braccio. Adesso la progettualità c’è, così come la squadra. Il modulo importa poco, contano le idee e l’atteggiamento. Credo che si vedranno, ci siamo.

Lazovic e Doig? Deve esserci più alternanza. Darko è un giocatore per me importantissimo, lo vorrei sempre in campo, se i rendimenti sono di livello. Ma dovessero calare, c’è Doig pronto. Ma questo discorso vale per tutti

Se Faraoni sta meglio? Nì. A voce sta bene, ma la parte medica mi dice che non sta benissimo. Anche ieri si è allenato con un piede viola.

Hien può partire titolare? Le gerarchie son fatte per essere rotte. Vediamo. Mi piace essere sorpreso, e le gerarchie le rompi se vieni chiamato in causa e timbri

Precedente Inter, Correa è in vantaggio su Dzeko Successivo Mourinho: "Ci serve un difensore, con qualche milione in più si può sognare"

Lascia un commento