Venezia, si presenta Kiyine: “La prima volta in A non ero pronto, ora sì. E su Ventura…”

Sofian Kiyine avrà la grande occasione di tornare a giocare nel massimo campionato italiano

La Lazio ha ceduto Sofian Kiyine in prestito al Venezia. Dopo la scorsa stagione con la maglia della Salernitana il jolly offensivo avrà la possibilità di cimentarsi nuovamente con la Serie A. Il giocatore è pronto e carico a mettersi in gioco in laguna, dove spera di trovare continuità e minuti in campo per dimostrare a tutti le sue doti.

E’ stato uno dei protagonisti della promozione campana dello scorso anno, e vuole esserlo anche per la salvezza del Venezia.

 “Sapevo che il Venezia mi voleva anche a gennaio, quando è venuto giocare all’Arechi avevo una motivazione in più. Ritorno in Serie A, ho un’altra occasione. Pensavo di essere pronto con il Chievo, invece ero troppo giovane e dovevo imparare molto”.

Seconda occasione nella massima serie quindi per Sofian Kiyine, che dopo aver transitato senza successo a Verona, sponda Chievo, vuole affermarsi ed è convinto di poterlo fare quest’anno. Il jolly offensivo si è presentato senza paura alla presentazione con il Venezia, promettendo il massimo impegno e la massima determinazione. Sa che sarà difficilissimo raggiungere la salvezza, ma lui proverà con tutto se stesso ad aiutare il Venezia in questa impresa. Dopo il buon campionato fatto a Salerno sotto la guida di Ventura, vuole ripetersi anche in serie A.

A proposito di Ventura, ha rilasciato un commento anche su di lui: “So che a Venezia ha allenato Ventura, tanti anni fa. È un allenatore a cui devo tantissimo, insegna calcio e dà molti consigli ai giovani”. Anche Mattia Collauto, direttore sportivo del Venezia, crede molto in lui: “È un giocatore con un talento enorme, finora se non ha trovato continuità in Serie A, deve porsi delle domande, ma per il Venezia può diventare un valore aggiunto anche nel massimo campionato. Per caratteristiche può ricoprire vari ruoli perché ha il calcio in testa”.

Precedente Okaka via, 10 milioni per Beto: Udinese, quando la scommessa è a fine mercato Successivo Milan-Lazio, Pioli sorride: recuperato Ibrahimovic

Lascia un commento