Venezia, l’esordio in Serie A di Modolo: “Sogno realizzato a 32 anni”

VENEZIA – Marco Modolo ricorderà la vittoria del Venezia sulla Roma per tanti anni a venire. Per il trentaduenne difensore lagunare è stato l’esordio in Serie A, arrivato in una giornata dal sapore storico per una società come quella arancioneroverde, da lui sposata nel 2015 ai tempi della Serie D: “Tornare a giocare con un stadio pieno e colmo di passione – ha affermato in conferenza stampa – è stato emozionante e ringrazio tutti i tifosi perché mi hanno dimostrato grande affetto ed attaccamento. Un ulteriore ringraziamento lo vorrei dare a Pietro Ceccaroni per avermi idealmente passato la fascia di capitano dopo la mia entrata in campo: è stato un gesto bellissimo e ciò dimostra il valore umano di questo ragazzo. Domenica, a livello personale, è stata la chiusura di un cerchio: quando ho accettato di scendere in D col Venezia sapevo in cuor mio che avremmo scritto assieme pagine importanti. Passare da stadi vuoti di periferia a un Penzo stracolmo con bambini festanti, ti fa capire davvero quanto è stato fatto in così pochi anni“.

Venezia senza paura, Roma ko: Okereke apre la crisi di Mourinho

Guarda la gallery

Venezia senza paura, Roma ko: Okereke apre la crisi di Mourinho

“Il valore aggiunto di questa squadra è il gruppo”

Un cammino che lo vede ancora tra i protagonisti, vista la fascia di capitano che gli è stata affidata: “Posso dire di aver esaudito il sogno che aveva Marco Modolo da bambino – confida – ovvero riuscire ad esordire in A. Il giocatore di 32 anni sa però che ha avuto la sua occasione perché si è allenato pazientemente, superato infortuni e sostenuto i compagni dalla panchina: non dimentichiamoci che anche gli anni scorsi il valore aggiunto della squadra era il gruppo, non i singoli, e quest’anno non fa differenza. Giocare e vivere di giorno in giorno per questa squadra è bello perché impari a conoscere nuove culture, rapportarti con diverse esperienze di vita e aprirti a nuove mentalità, trovando continuamente spunti su cui riflettere per poi migliorarti. L’importante è che al di là di tutto, all’interno del rettangolo di gioco si dia il massimo durante le partite, cosa che tutti stanno facendo finora“.

Precedente Manchester United, incerto il futuro di Solskjaer: se salta il preferito è Rangnick Successivo Immobile, gol con l’Italia per altri record

Lascia un commento