Veleni e stracci che volano: Fiorentina-Juve è una vecchia storia

Il clamoroso 11-0, il titolo mancato nel 1982, la finale di Coppa UEFA del 1990 e il caso Baggio: la rivalità tra bianconeri e viola è una questione aperta da anni

Motherfuckers, letteralmente “Figli di p******”, gergalmente “Bastardi”, ma l’offesa si colora di tante altre sfumature, diciamo così. Per dire: l’attore Samuel L. Jackson ne ha fatto il suo mantra, non c’è film in cui non lo ripeta: una volta raccontò che da piccolo era balbuziente, così ne aveva fatto il suo scioglilingua. Sorpresona: la balbuzie passò. In “Pulp Fiction” lo usa come punteggiatura. Motherfuckers, dunque. Rocco Commisso, patron della Fiorentina, l’ha detto una volta sola, ma definitiva. Destinazione Juventus, nessuno si stupisca: storicamente quando da Firenze parte una freccia avvelenata, una volta su due è puntata verso la Juve. In un’intervista al Financial Times, Commisso ha sparato ad alzo zero anche (e non solo) contro la Juventus. Punto uno, a proposito delle perdite in Borsa della Juve: “Se fosse successo negli Stati Uniti gli azionisti avrebbero fatto causa a quei motherfuckers”. Alè. Punto secondo, Commisso si chiede: “Chi ha fatto quello che ho fatto io in Italia?”. La risposta se la dà da solo, parlando di “gelosie” dei suoi colleghi: “Non gli Agnelli. Il nonno, forse, non certo i nipoti”. Alè-bis.

Precedente Milan in ansia per Tomori: l'ira dei tifosi contro il prato di San Siro. E contro l'Inter... Successivo Rientri, riposi obbligati post Inter e un paio di sorprese: le scelte Juve verso l’Udinese

Lascia un commento