Urlo Juve all’Olimpico, vince la sua Coppa Italia numero 15. Allegri intanto pensa all’addio

La Juventus ha vinto la Coppa Italia e ha salvato la stagione. Ha battuto l’Atalanta (1-0) giocando da provinciale. Ne è uscita una sfida elettrica. Vlahovic scatenato, la notte perfetta: dopo pochi minuti ha portato in vantaggio la Juventus andando via di forza a Hien; ha poi sfiorato la doppietta svanita per un fuori gioco di centimetri. La Juventus ha centrato la Coppa Italia per la 15esima volta nella sua storia; e per la sesta volta negli ultimi 10 anni, la quinta volta con Allegri in panchina, dopo le quattro di fila dal 2014 al 2017. E come tre anni fa la Vecchia Signora ha battuto l’Atalanta, alla sua quinta finale persa consecutiva, la terza persa da Gasperini negli ultimi 3 anni. Trafitta a freddo dopo solo 4 minuti non si è più ripresa; l’assenza del bomber Scamacca, squalificato, ha pesato oltre misura.

Nel concitato finale Allegri è andato su tutte le furie ed è stato espulso. Troppo nervosismo nel finale. La Juventus ha comunque dato una prova di solidità. Bene il pacchetto difensivo stretto attorno a un Perin sempre pronto e decisivo nel finale. Granitico il trio Gatti, Bremer e Danilo. A centro campo il migliore è stato Cambiasso ma positiva è risultata la prova di Nicolussi e Miretti. Bene anche McKennie, Rabiot, Iling- junior, Milik (entrato nel finale per regalare la standing ovation a Vlahovic) e Yildiz. Nell’Atalanta su tutti ancora una volta è stato Ederson, uomo ovunque. Male Hien troppo avventato. Peccato l’infortunio a De Roon, uscito in lacrime. Tutti gli altri sotto il loro standard abituale a cominciare dall’opaco De Ketelaere. Frizzante, ma inconcludente, Lookman; solo un palo nella ripresa.

L’ADDIO DI MAX ALLEGRI – Al termine del match, l’allenatore Massimiliano Allegri, 56 anni, ha lasciato intendere di voler lasciare la Juventus. È andato sotto la curva a godersi lo spettacolo di un popolo bianconero pazzo di gioia. Ha detto: ”Se finisco qui lascio con una vittoria, poi deciderà il club. Ho grande rispetto per la società e per gli uomini che ne fanno parte”. Allegri è arrivato nel luglio 2014: 5 scudetti e 2 finali Champions. Poi i saluti e il ritorno, ma il bis non è decollato. Resta il primato: l’allenatore livornese è l’unico nella storia ad aver alzato 5 volte la Coppa Italia.

LA GIOIA DI ELKANN – John Elkann, 48 anni, azionista di maggioranza era all’Olimpico. Alla fine non ha nascosto la sua gioia: ”Tutto bellissimo. È stata una partita molto impegnativa, la Coppa Italia è un traguardo molto importante. Vincere aiuta a vincere e io guardo al domani con ottimismo. Questo è l’anno zero della Juventus, Giuntoli plasmerà la Juve del futuro”.

L’AMAREZZA DI GASPERINI – Gian Piero Gasperini, 66 anni, piemontese di Grugliasco, all’Atalanta dall’estate del 2016, non ha nascosto il suo dispiacere. Ha detto: ”Si, siamo dispiaciuti ma non delusi. Ora abbiamo un’altra finale a Dublino. È stata una sfida dura, difficile: la Juve è forte. Per il tipo di partita, molto fisica, l’assenza di Scamacca è stata pesante. Anche il presidente Percassi si è dichiarato “orgoglioso” della Dea e preoccupato per l’infortunio occorso a De Roon”. Un infortunio che andrà valutato per capire se la stagione dell’olandese è finita qui o se avrà speranze di tornare in campo prima, magari mercoledì per l’appuntamento primario rimasto nel calendario dell’Atalanta, cioè la finale di Europa League contro il Leverkusen.

Precedente Occasione Dia, la Lazio stringe: ecco il piano Successivo Ascoli a rischio l'inscrizione alla C

Lascia un commento