Un rigore non tirato, una sciarpa raccolta. Nel tifo diviso, Baggio fu di tutti

Dopo il suo passaggio dalla Fiorentina alla Juventus, che causò una rivolta cittadina, il 6 aprile di trent’anni fa Roby tornò a Firenze con la maglia di un altro colore…

Baggio se n’era andato e si era portato dietro le ultime illusioni di un popolo vinto. La Fiorentina aveva cominciato il decennio sfiorando lo scudetto e lo aveva appena terminato lottando per la salvezza e perdendo la finale della Coppa Uefa: fra i viola e la vittoria c’era sempre la Juventus. E Baggio se n’era andato: alla Juventus.

Precedente Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 6 Aprile Successivo Asl Torino: "Al momento Juve-Napoli si gioca, nessun focolaio in atto"

Lascia un commento