Un collaboratore di giustizia: “Un boss voleva comprare il Napoli”

Una storia da brividi quella raccolta dal Corriere del Mezzogiorno e dalla Repubblica. Una confessione quella del collaboratore di giustizia Gennaro Carra sul boss Imperiale che ha fatto sobbalzare dalla sedia gli inquirenti.

Secondo quanto riportato da “Il Corriere del Mezzogiorno“, il collaboratore di giustizia Gennaro Carra ha sganciato una “bomba” che ha fatto rimanere gli inquirenti di stucco:

Una storia che se fosse vera avrebbe dell’incredibile. Il boss Imperiale è divenuto noto in seguito all’episodio del ritrovamento di due quadri di Van Gogh nella sua casa a Castellammare di Stabia, scomparsi 2 anni prima dall’Olanda.

Precedente Nations League, Courtois: "La finale terzo posto con gli Azzurri? Inutile" Successivo Mihajlovic: "Ho pianto, ho urlato, ma non ho mai perso la voglia di vivere"

Lascia un commento