Ufficiale: il Newcastle al principe saudita che ha il castello più costoso del mondo!

Semaforo verde per la cessione del Newcastle. L’acquirente è un fondo guidato dal Public Investment Fund (PIF) dell’Arabia Saudita, emerso già nei mesi scorsi come uno dei potenziali interessati all’acquisto dell’Inter. L’accordo con la vecchia proprietà di Mike Ashley, alla guida della società da 14 anni, è stato quindi trovato: l’operazione, che aveva già ottenuto anche il via libera da parte della Premier League, si aggirera intorno ai 300 milioni di sterline. Una cifra da capogiro, superiore di “soli” 70 milioni di sterline rispetto a quanto pagato dal principe Mohammad Bin Salman, a capo del consorzio, per la sua casa: lo Chateau Louis XIV, il castello più costoso al mondo. Nel 2017, inoltre, il reale saudita aveva anche acquistato un vero Leonardo Da Vinci, il Salvator Mundi, per la cifra record di 450 milioni di sterline.

Dentro il castello più costoso al mondo: il proprietario vorrebbe comprare il Newcastle

Guarda la gallery

Dentro il castello più costoso al mondo: il proprietario vorrebbe comprare il Newcastle

Bin Salman, il principe a guida del fondo saudita

Ma se i tifosi del Newcastle festeggiano – sognando già palcoscenici internazionali come nel caso del Psg (di proprietà dagli emiri del Qatar) e del Manchester City (Emirati Arabi) – le organizzazioni per i diritti umani sono sul piede di guerra. La trattativa, in corso da tempo, aveva subito un fermo nei mesi scorsi a seguito delle accuse di violazioni dei diritti umani nel regno guidato dal padre di Bin Salman. In Gran Bretagna si parla anche di un cambio sulla panchina del club – penultimo in Premier e ancora a secco di vittorie in stagione – con Antonio Conte nominato tra i papabili successori di Steve Bruce.

Dall'Inghilterra: "Conte tentato dal Newcastle"

Guarda il video

Dall’Inghilterra: “Conte tentato dal Newcastle”

Precedente Torino, Juric perde anche Verdi: lesione muscolare Successivo Vacca chiama il Venezia: "Spero di rinnovare"

Lascia un commento