Udinese, lo sfogo di Marino: “Squadra mandata al martirio. Questo non è calcio”

La società bianconera non ha fatto parlare il mister e i calciatori, ma solo il direttore dell’area tecnica. Ecco le sue parole verso la Lega

Il post partita di Udinese – Atalanta è stato molto concitato. Nessuna ha parlato per la società bianconera tranne che il direttore dell’area tecnica Pierpaolo Marino. Ha cercato in tutti i modi di difendere il suo team e soprattutto ha attaccato la Lega Calcio per una gestione ai limiti della decenza. Andiamo a vedere le sue parole e l’intervista completa.

La mia presenza è perché oggi è stata mandata al martirio una squadra. Rischiando la salute dei giocatori sia quelli di casa, ma anche quelli di trasferta. Una società che non giocava da oramai cinque giorni e non si poteva allenare da tale periodo. Beto addirittura si è solo negativizzato stamattina, ed altri solo ieri sera. Questo non è calcio. Si sono mandati al martirio giocatori che non lo meritavano sia dal punto di vista del calcio che dal punto di vista personale dei giocatori. ” Ha poi continuato: “La Lega non ha tenuto conto di una squadra che ha ben due positivi al giorno, regolari, da oramai una settimana. Quello che è successo oggi non serve a nulla, é ai broadcaster, né alla Lega Calcio e né a qualcuno. Oggi si rischiava anche infortuni molto più gravi, proprio perché da quasi una settimana nessuno poteva scendere in campo. “

Nella seconda parte dell’intervista ha spiegato la sua presenza in conferenza e l’incomprensione verso le decisioni della Lega.

Noi eravamo disposti a tutto, ma soprattutto non si può fare ricorso al TAR il giorno prima del match. Oggi abbiamo dovuto portare in campo giocatori in quarantena. Solo stamattina abbiamo potuto radunare i componenti e si sono trovati in albergo. Oggi sono stati tutti degli eroi a lasciare una partita aperta per la maggior parte del tempo. Quello che è successo, è assurdo e soprattutto nemmeno tutelativo per i miei uomini. Oggi sono qua per difendere tutti e bisogna difendere la storia e la tifoseria di un club glorioso. Non frequento la Lega da qualche anno, ma quello che ho vissuto nelle ultime 24h significa aver toccato il fondo”. Ma non finisce qui.

Precedente Udinese, Marino sbotta: "Un martirio: incomprensibile giocare gare così" Successivo Gasperini: "Giusto giocare, alla fine avevamo più assenze noi..."

Lascia un commento