Udinese, l’infermeria si svuota: riecco Becao e Deulofeu

Il team bianconero continua a lavorare in vista dei prossimi incontri di campionato. Non perdere le ultime dal reparto infermeria: il punto

Il team bianconero è sceso ieri sera sul campo da gioco della Dacia Arena per il terzo incontro pre stagionale in vista della ripresa del campionato. La squadra ha dato tutto sul campo da gioco, ma non è riuscito a raggiungere un risultato positivo nonostante una buona partita di sacrificio. Proprio quando l’incontro sembrava volgere al termine, un errore di Simone Pafundi ha spalancato il campo all’attaccante Inaki Williams che non si è fatto pregare ed ha messo a segno la rete che è valsa la vittoria finale. Ora bisogna pensare all’incontro di venerdì prossimo contro il Lecce. Le ultime dai campi d’allenamento bianconero e soprattutto dall’infermeria.

Il primo giocatore che non vede l’ora di tornare sul campo da gioco è il difensore centrale Rodrigo Becao. Il talento brasiliano è stato fuori per diverso tempo ed adesso è finalmente arrivato il momento per poter ritornare a giocare ad alti livelli. Dall’infortunio subito contro i biancocelesti di Maurizio Sarri non è più riuscito a tornare sul campo da gioco e di conseguenza ha recuperato la forma con calma nel corso di questa pausa forzata per via del mondiale. Ora è uscita definitivamente la data per il suo rientro in campo e stiamo parlando di lunedì. Domani, salvo imprevisti, dovrebbe tornare ad allenarsi con tutti i compagni.

Gerard Deulofeu

—  

Il fantasista spagnolo ha subito un infortunio completamente diverso, ma ha lavorato duramente per poter tornare il prima possibile ed oggi anche lui ha una data per il suo ritorno sul campo da gioco. Anche per la seconda punta si parla di un ritorno programmato per lunedì, cioè domani pomeriggio. Solo tra 24h avremo la conferma definitiva, ma ad oggi questi due rientri sono fondamentali per il campionato. Nel frattempo non perdere tutte le valutazioni assegnate ieri sera. Ecco le pagelle di Udinese-Bilbao <<<

Precedente La Coppa da capitano, migliore del Mondiale. Sì, Leo: il sogno di bambino è realtà Successivo Argentina, Martinez e quel festeggiamento di dubbio gusto