Tris al Cagliari, l’Atalanta avanza ai quarti. E mette in mostra anche Miranchuk

Il russo, per la prima volta titolare come il nuovo acquisto Maehle, avvia la vittoria della Dea, griffata anche da Muriel e Sutalo. Ora Lazio o Parma

Gian Piero Gasperini alla vigilia lo aveva detto: “L’Atalanta sta bene, non solo gli undici che giocano spesso, ma tutta la rosa”. Infatti, pur risparmiando qualche titolare, i nerazzurri conquistano agevolmente i quarti di finale di Coppa Italia, regolando per 3-1 un Cagliari comunque rimaneggiato e messo sotto sin dall’inizio. Il Gasp lancia per la prima volta dal 1′ il nuovo acquisto Maehle e il russo Miranchuk, finalmente recuperato nel pieno delle forze. Il tridente davanti è completato da Malinovskyi e Muriel. Tra i sardi non ci sono i big Godin e Nainggolan.

Vicario show, ma poi…

—  

La Dea parte subito a razzo e dopo un gol annullato per fuorigioco a Miranchuk al 4′ su sponda aerea di Pessina, il portiere ospite Vicario è chiamato agli straordinari. Parate a raffica su Muriel, Miranchuk, Gosens, Freuler e chi più ne ha più ne metta. Il Cagliari non si vede quasi mai dalle parti di Sportiello e gli unici segnali di vita sono dati dai duelli a spallate tra Pavoletti e Romero. A forza di provarci, l’Atalanta passa al 43′: spunto di Muriel sul lato sinistro dell’area di rigore e pronta girata mancina di Miranchuk, imparabile anche per il super Vicario di stasera.

Ripresa

—  

All’intervallo Gasperini deve rinunciare a Pessina, uscito per un guaio muscolare e da valutare anche per la gara di domenica col Genoa. Al suo posto c’è De Roon. Il canovaccio non sembra però cambiare, con Romero e Maehle subito vicini al gol. Poi Muriel scheggia la traversa su punizione e il solito Vicario con la punta delle dita nega la rete a Gosens. Quando pare abbondantemente maturo il raddoppio, ecco la doccia gelata per l’Atalanta. Al 55′ Sottil prende palla nella sua metà campo e parte in progressione, bruciando Sutalo e battendo Sportiello col piatto da posizione defilata. È 1-1 Cagliari e Gasperini s’infuria. La reazione nerazzurra è però immediata. Il pareggio resiste infatti appena 6′: tra il 61′ e il 64′, prima Muriel e poi Sutalo indirizzano l’incontro, portando la Dea in vantaggio di due reti. In mezzo, anche una traversa di Malinovskyi su punizione (con tocco decisivo di superman Vicario). Parte la girandola di cambi: dentro da una parte Hateboer e Ilicic, dall’altra Joao Pedro e Cerri. Poi anche Freuler e Pereiro. I sardi ci provano un po’ di più, Sottil colpisce anche una traversa, ma la partita è, come si suol dire, in ghiaccio. C’è giusto il tempo per applaudire le ennesime parate di Vicario, stavolta su Ilicic e Malinovskyi. Atalanta ai quarti di finale di Coppa Italia (incontrerà la vincente di Lazio-Parma) e a quattro vittorie su quattro nel 2021, Cagliari eliminato e a quattro sconfitte su quattro nell’anno nuovo.

Precedente Acquisti, cessioni e obiettivi: il tabellone delle 20 squadre di A Successivo Atalanta-Cagliari, le pagelle: Muriel tuttofare, 7. Walukiewicz indeciso: 5

Lascia un commento