Triplo Morata non basta all’Atletico: 4-3, il Girona risponde al Real Madrid

Era il match più atteso della giornata quello tra Girona e Atletico Madrid, con i catalani chiamati a difendere la seconda posizione da Simeone e a tenere il passo di Ancelotti reduce dalla vittoria interna contro il Maiorca. I colchoneros dovranno ora guardarsi le spalle dal Barcellona, mentre Real e Girona chiudono la 19° giornata appaiate a 48 punti.

Girona-Atletico, la cronaca

Un primo tempo ricco di emozioni con i padroni di casa che non tardano a portarsi in vantaggio con il gol di Fernandez al secondo minuto di gioco. Al 14’ Morata trova il pareggio, ma il Girona non ci sta e si porta sopra di due reti con de Oliveira e Blind, rispettivamente al 26’ e 39’. L’ex centravanti della Juve tuttavia non spreca l’occasione per accorciare le distanze e va nuovamente a segno al minuto 44. Nella ripresa, ancora Morata per il pareggio. Chiude infine i conti Martín al 91° con il gol che vale la vittoria.

Il Real batte il Maiorca

Terza vittoria consecutiva per il Real Madrid che batte il Maiorca al Bernabeu con la rete realizzata da Rüdiger al 78’. I Blancos salgono così a quota 48 punti e allungano momentaneamente sul Girona, impegnato nell’altro match clou valevole per la 19° giornata contro l’Atletico Madrid. 

Liga, le altre partite

Successo interno del Granada che si impone per 2 a 0 nello scontro diretto con il Cadice, altro avversario impegnato nella lotta salvezza. Gli andalusi si portano così a 11 punti grazie ai gol di Uzuni (22’) e Martinez (70’). Il Cadice lascia il campo in nove in 9 a seguito dell’espulsione di Sobrino al minuto 59. Allunga anche il Celta Vigo, che nel match casalingo contro il Betis rimonta il vantaggio ospite firmato Ruibal grazie al rigore trasformato al 16’ da Aspas e chiude i conti al 96′ con Swedberg. Con la complicità della sconfitta del Cadice dunque, gli uomini di Benitez si portano a punto dalla zona salvezza.

Ufficiale: Real-Ancelotti, avanti fino al 2026

Guarda il video

Ufficiale: Real-Ancelotti, avanti fino al 2026

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Le partite di oggi: il programma di giovedì 4 gennaio Successivo Allegri: "Yildiz? Non si è campioni dopo due gare"