Tra Parma e Fiorentina tanti sbadigli, zero gol e un punto a testa

Poche emozioni nella sfida tra emiliani e viola. Esordio in Italia per Osorio e Brunetta, Iachini recrimina per un presunto rigore su Ribery

Tanti sbadigli, poche emozioni, zero gol. Parma-Fiorentina può essere riassunta rapidamente così, perché lo 0-0 è la sintesi perfetta di ciò che (non) si è visto al Tardini. Un punto a testa, che non risolve i problemi di Iachini sulla panchina viola, mentre dà continuità ai progressi degli emiliani. Liverani decide di schierare il suo Parma a specchio con i viola, passando alla difesa a tre con l’inserimento di Osorio (alla prima in Italia) e sistemando Grassi sulla corsia di destra nei cinque di centrocampo. Davanti ritorno da titolare per Inglese, al fianco di Gervinho. Iachini sceglie Kouamé come partner d’attacco di Ribery, mentre le novità sono Pulgar in mediana e Venuti sulla fascia destra. Solo panchina per Bonaventura.

La gara

—  

Nel primo tempo sono gli ospiti a imporre il ritmo (lento) alla partita, con gli emiliani che solo in rare occasioni riescono a ripartire in velocità. Una al 6′, quando Pezzella quasi dal fondo mette forte in mezzo, obbligando Dragowski alla respinta di pugno. Se è vero che i viola fanno più possesso, faticano in ugual misura a trovare spazi nella difesa di casa. Così l’unico tiro nello specchio di Sepe è una botta su punizione di Biraghi al 9′, che il portiere gialloblù sventa non rischiando la presa. Al 42′ materiale per la moviola: Ribery entra in area tallonato da Osorio e va giù, La Penna fischia, ma per ammonire il francese per simulazione. Un giallo eccessivo, sebbene il contatto sia troppo poco per concedere rigore.

Dopo l’intervallo

—  

Alla ripresa, subito viola pericolosi con Biraghi: Sepe chiude bene sul suo palo rifugiandosi in corner. Liverani intuisce il momento di difficoltà e inserisce Sohm e Karamoh per Hernani e Inglese. Una mossa per dare energie fresche alla mediana e velocità all’attacco, ma che cambia di poco il canovaccio della partita. Prosegue a farla infatti la Fiorentina, che però non riesce a dare continuità all’avvio di secondo tempo in attacco. Iachini ci prova con i cambi: dentro in serie Cutrone e Lirola per Kouamé e Venuti. E nella girandola di sostituzioni trova posto anche l’argentino del Parma Brunetta, all’esordio in Serie A. Lo 0-0 però non si schioda. E alla fine il punto a testa smuove la classifica di entrambe.

Precedente Lucarelli, che dici? Vince 5-0 ma... si lamenta coi suoi: "Poco cattivi nel 1° tempo" Successivo Cagliari-Samp, le pagelle: Nandez monumentale, 7,5. Augello ingenuo, 4

Lascia un commento