Totti: “Ha ragione Mourinho, alla Roma serve qualche giocatore”

L’ex capitano giallorosso a Riad per la finale di Supercoppa: “Dybala è un fenomeno che sta sopra tutti. Ce lo teniamo stretto”

Francesco Totti è a Riad per assistere alla finale di Supercoppa italiana tra Milan e Inter. L’ex capitano della Roma è in Arabia Saudita nelle vesti di ambasciatore della Lega Serie A e, a poche ore dal big match, ha rilasciato una lunga intervista in cui ha parlato della stagione dei giallorossi, dell’importanza di Paulo Dybala e del suo rapporto con Luciano Spalletti. Ma non solo. Inevitabile infatti anche un passaggio su José Mourinho, che ha ricevuto il totale appoggio della bandiera romanista: “Ha ragione a volere qualcuno in più – le sue parole a SportMediaset -, io penso che ogni allenatore voglia la rosa sempre più competitiva, poi se lo dice lui… Speriamo che la società riesca ad accontentarlo”. Idee chiare anche sulle ambizioni della squadra dello Special One: “L’obiettivo principale è la Champions, anche se sappiamo che non sarà facile perché le prime vanno abbastanza forte. Ma il campionato è lungo, i punti ci sono e tutto può succedere”.

Dybala

—  

Per tornare a giocare la Champions League, il contributo di Dybala sarà fondamentale. Totti definisce la Joya come “un fenomeno” che “sta sopra a tutti, ha sempre dimostrato il suo valore e sono contento che sia arrivato alla Roma, si merita tutto. È giusto che la città abbia un giocatore di questo livello”. Un talento, quello di Dybala, che a qualcuno ricorda in qualche modo quello dell’ex numero 10. Francesco evita i paragoni, ma le sue parole risuonano quasi come un’investitura: “Si percepisce quando i calciatori sono un po’ diversi dagli altri, lui lo sta dimostrando, segnando e con grandi prestazioni. Siamo contenti di averlo con noi come Roma, ce lo godiamo e ce lo teniamo stretto”.

Spalletti

—  

Puntuale arriva anche la domanda sul rapporto con Luciano Spalletti. “Non l’ho sentito. Io ho detto la mia sulla questione in questo momento – taglia corto l’ex calciatore – se un giorno dovesse capitare, parlerò con lui come parlo con tutti”. E sull’eliminazione del Napoli dalla Coppa Italia: “Un po’ di sorpresa c’è, ma il bello del calcio è questo, tutto può succedere. In questo momento nessuno se lo sarebbe aspettato”.

Supercoppa

—  

Nessun pronostico invece in vista della finale di Supercoppa: “Sarà una sfida bella da vedere e da giocare tra due grandi squadre, è anche un derby quindi un po’ diversa dalle altre. Come ci si arriva conta fino a un certo punto, in queste occasioni metti da parte se stai bene o male, è una finale e va sempre giocata al 100%”.

Precedente Non solo Gollini: i 4 nomi per il Napoli del futuro (Adama Traoré il pezzo forte) Successivo Cremonese, Ascacibar torna a casa: prestito all'Estudiantes

Lascia un commento