Tottenham a valanga, tripletta per Kane. Lo 0-0 tra Cska e Bodoe fa felice la Roma

Nel secondo turno della fase a gironi c’è anche lo storico primo gol di una squadra di Gibilterra

Oscar Maresca

30 settembre – Milano

Secondo giovedì di gare per le squadre impegnate in Conference League. Quanti gol nel turno delle 21 (gruppo E-H). Il Basilea dilaga 4-2 contro i kazaki dell’Almaty. Il Copenaghen fa 3-1 contro il Lincoln. Nonostante la sconfitta, è il primo gol realizzato da una squadra di Gibilterra in una competizione europea per club. Il Tottenham di Kane si impone 5-1 contro gli sloveni del Mura. Nelle sfide del pomeriggio (gruppo A-D) l’Helsinki vince 4-2 contro gli armeni dell’Alashkert, l’Az Alkmaar batte lo Jablonec e il Maccabi Tel Aviv pareggia in extremis contro il Lask.

Gruppo A

—  

In Armenia succede di tutto. Nel primo tempo un gol per parte tra Alashkert e Helsinki. La squadra di casa resta in dieci per l’espulsione di Grigoryan. Al finlandese Riski risponde Embalo. Nella ripresa gli ospiti trovano il vantaggio con Valencic e dilagano con la doppietta personale di Riski. In pieno recupero i padroni di casa accorciano con Glisic. Al 95’ ancora una rete degli ospiti: la realizza Olusanya. Finisce 2-4. A Klagenfurt, in Austria, il Maccabi Tel Aviv pareggia in extremis contro il Lask: Horvath al 10’ sblocca la partita, Khalaila a due minuti dalla fine realizza l’1-1 finale. Cambia la classifica: austriaci e israeliani primi a quattro punti. A ruota l’Helsinki, un solo punto per gli armeni dell’Alashkert.

Gruppo B

—  

Il Gent passa contro i ciprioti dell’Anorthosis. Sfortunata la deviazione di Korrea al 28’ che porta avanti i belgi. A pochi minuti dal fischio finale ci pensa Kums a chiudere i giochi: 2-0 al 90’. Si mette subito sui binari giusti per i padroni di casa la sfida tra Partizan Belgrado e Flora. I serbi vanno in vantaggio con una doppietta di Lazar Markovic nella prima frazione. Gli estoni subiscono il colpo e non reagiscono. La squadra di Stanojevic vola in testa insieme al Gent. Restano a zero punti l’Anorthosis e il Flora.

Gruppo C

—  

Finisce con un pareggio senza reti la gara tra Cska Sofia e Bodo/Glimt. Il risultato fa sorridere la Roma: i giallorossi, forti del secondo successo europeo, consolidano la vetta con sei punti. La squadra allenata da Knutsen insegue due lunghezze più dietro. I norvegesi ci hanno provato fino all’ultimo: al 95’ trovano la rete del vantaggio, poi annullata dal Var per un fallo precedente. La squadra di Mourinho ha vita facile contro lo Zorya in trasferta. Decidono i gol di El Shaarawy, Smalling e Abraham.

Gruppo D

—  

L’Az Alkmaar impiega più di un tempo per realizzare il gol della vittoria contro il Jablonec. Mette la firma sul tabellino l’islandese Gudmundsson al 53’. Una rete che vale la vetta del girone con quattro punti. Il Cluj non ci sta e riesce a strappare un pari contro i danesi del Randers: Kamara porta in vantaggio i suoi nel primo tempo, al 68’ Petrilla ristabilisce la parità. La rete del centrocampista classe ’00 è fondamentale per tenere ancora aperto il discorso qualificazione. Gli olandesi dell’Az guardano tutti dall’alto. Seguono Jablonec a tre punti, i danesi a due e il Cluj a uno.

Gruppo E

—  

Il Feyenoord parte fortissimo. Contro lo Slavia Praga fa 2-0 nel primo tempo: segnano Kokcu e Linssen. Gli ospiti provano a recuperare nella ripresa con la rete di Holes. Non ci riusciranno, vincono gli olandesi. L’Union Berlino va subito avanti, il Maccabi Haifa è costretto a inseguire: Voglsammer firma il vantaggio al 34’. Nella ripresa il raddoppio è di Behrens. Tris a opera di Awoniyi. Ottima vittoria dei tedeschi. Gli olandesi comandano il girone con quattro punti, Slavia e Union Berlino a tre. Ultimo il club israeliano con un solo punto.

Gruppo F

—  

Al 90’ è 1-1 tra Paok Salonicco e Slovan Bratislava. Avanti i greci con Akpom, pareggio realizzato da Green. Le due squadre si accontentano di un punto per parte. Partita storica per il Lincoln che affronta in trasferta il Copenaghen. La squadra gibilterrina realizza il primo gol in una competizione europea per una squadra del Paese a sud della Spagna: l’autore è il classe ’95 Marco Rosa. La rete vale il pareggio dopo il vantaggio segnato da Diks. Poco prima dell’intervallo, Wind riporta avanti i padroni di casa. Il terzo gol è di Stage al 52’. Danesi a sei punti in vetta, greci subito sotto a -2. Chiudono la classifica il club slovacco con un punto e quello gibilterrino fermo a zero.

Gruppo G

—  

Il Tottenham impiega 3’ ad andare in vantaggio contro gli sloveni del Mura. A Dele Alli risponde Lo Celso cinque minuti più tardi. Gli ospiti non si arrendono e al 53’ accorciano le distanze con Kousz. Entra Kane, fa tripletta e chiude i giochi: 5-1. Il Vitesse va in vantaggio contro il Rennes: al 30’ è Wittek che sblocca la gara. Nel secondo tempo i francesi ribaltano il risultato grazie a Guirassy dal dischetto e Sulemana: finisce 1-2. Gli Spurs dividono il primo posto nel girone con la squadra di Genesio, entrambe a quattro punti. Olandesi una lunghezza più sotto. A zero il Mura.

Gruppo H

—  

Tutto facile per il Basilea contro i kazaki dell’Almaty: tre reti nei primi 45’. Ad Arthur, segue la doppietta del centrocampista Lang. Gli svizzeri hanno il tempo di realizzare anche il quarto gol con Ndoye. La rete della bandiera per gli ospiti è dell’attaccante guineano Kante. Il gol dà fiducia alla squadra di Berdyev e su rigore accorcia il passivo: è 4-2 al triplice fischio. Sfida agli antipodi tra i ciprioti dell’Omonia e gli azeri del Qarabag: Lecjaks al 40’ porta in vantaggio i padroni di casa. Kady pareggia i conti al 52’ e venti minuti più tardi Sheydaev ribalta la sfida. C’è tempo anche per il terzo squillo firmato da Medvedev e per il quarto sempre di Kady. La classifica dice Qarabag primo a quattro punti, gli stessi del Basilea. A uno Omonia e Almaty.

Precedente Atalanta, per Gosens lesione al bicipite femorale destro Successivo Zanetti: "Caldara sta meglio, dobbiamo essere al 110% per fare punti a Cagliari"

Lascia un commento