Torino, ufficiali Okereke e Masina: la formula

Il Torino completa due colpi di mercato all’ultimo giorno della sessione invernale. Il club granata ha infatti ufficializzato l’arrivo di David Okereke dalla Cremonese e di Adam Masina dall’Udinese. Due rinforzi importanti per Juric nella possibile rincorsa all’Europa.

Torino, ufficiale l’arrivo di Okereke

Di seguito il comunicato dei granata sulla formula dell’operazione per l’attaccante: “Il Torino Football Club è lieto di annunciare di aver acquisito dall’Unione Sportiva Cremonese, a titolo temporaneo con opzione per il trasferimento definitivo, il diritto alle prestazioni sportive del calciatore David Okereke. Okereke è nato Lagos, in Nigeria, il 29 agosto 1997. Cresciuto calcisticamente nelle giovanili dell’Abuja, approda in Italia, alla Lavagnese, nel 2015. Nel mercato invernale si trasferisce allo Spezia, che lo inserisce nella rosa della squadra Primavera. Esordisce tra i professionisti il 9 aprile 2016, in Serie B, contro il Novara. Dopo una stagione in prestito al Cosenza si trasferisce al Bruges, formazione con la quale disputa le massime competizioni europee, Europa League e Champions League, e vince tre campionati del Belgio e una Supercoppa del Belgio per un totale di 71 presenze e 15 reti. Nella stagione 2021-’22 torna in Italia, in prestito, al Venezia. Nel 2022 viene acquistato dalla Cremonese, formazione con la quale ha disputato 57 partite e segnato 11 gol tra campionato e coppe. Tutto il Torino Football Club accoglie David Okereke con un cordiale benvenuto: buon lavoro, Sempre Forza Toro!”.

Torino, Okereke: “Opportunità importante per me”

Il nigeriano si è presentato parlando ai canali ufficiali del club granata: “Per me è un’opportunità importante per la mia carriera, perché è un contesto diverso rispetto a dove sono stato fino adesso. Sono pronto a dare tutto. Obiettivo nazionale? Vedo i nigeriani che hanno giocato qui e sono andati in Nazionale. È il mio sogno, sarebbe un passo avanti per me”. Okereke ha poi spiegato i motivi che lo hanno portato a dire sì al Toro e il suo numero di maglia: “Ho visto altre partite del Torino e penso di poter aiutate la squadra. Ho parlato con Meité ed era più felice di me. Mi ha parlato bene della piazza e dei tifosi, per me è stato facile decidere. Numero? Volevo il 17 o il 77, non c’erano e ho chiamato mio fratello che mi ha consigliato il 21″.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Le partite di oggi: il programma di venerdì 2 febbraio Successivo Segrt, chi è il garzone geniale che fa impazzire il Tagikistan

Lascia un commento