Torino, tra Kouame e Pavoletti c’è anche Lobotka

TORINOKouame, ieri in Coppa Italia, ha piazzato la zampata del temporaneo pareggio contro l’Inter, successivamente qualificata ai quarti di finale grazie al gol nei tempi di supplementari di Lukaku: una rete che avrà fatto piacere ai tifosi granata, molti dei quali sono intrigati dalla prospettiva di vedere una coppia d’attacco formata da Belotti assieme all’ivoriano. Il primo a essere ingolosito dalla possibilità di ricevere l’attaccante viola è però Giampaolo, il quale da inizio anno cerca senza fortuna il partner più adatto per il proprio centravanti. 

Coppa Italia, il Torino si arrende ai rigori con il Milan: decisivo l'errore di Rincon

Guarda la gallery

Coppa Italia, il Torino si arrende ai rigori con il Milan: decisivo l’errore di Rincon

Vagnati attende la Fiorentina

Lo stesso Zaza non ha convinto sia in tandem con Belotti che in qualità di suo vice, mentre poche, da inizio stagione a oggi, sono state le giocate di qualità di Verdi, e idem dicasi per Bonazzoli. Sul quale c’è un interesse del Crotone che punta a rinforzare il reparto offensivo (ma il Toro dovrà riflettere a lungo, prima di aiutare una diretta concorrente nella corsa al mantenimento della categoria). Kouame è insomma la soluzione adatta per integrare l’attacco granata, ma Vagnati deve aspettare il via libera dalla società viola. Gli agenti dell’ivoriano si mantengono fiduciosi, però l’ultima parola spetta alla Fiorentina, che prima di cedere l’ex genoano vuole il suo sostituto. Sempre più difficile, allo stato dell’arte, concretizzare la pista Defrel.

Giampaolo: "Navighiamo in acque agitate"

Guarda il video

Giampaolo: “Navighiamo in acque agitate”

C’è anche Lobotka

Questo mentre il ds granata si mantiene vigile su Pavoletti, che più avanti potrà tornare fortemente nel mirino di un Toro che cerca di cedere un paio di attaccanti, tra Bonazzoli (si è detto dell’interesse del Crotone), Edera (piace sempre alla Stella Rossa), Zaza e Verdi che per ragioni legate alla valutazione del cartellino sono di più complessa collocazione, in questo momento. Dall’attacco al centrocampo per dare conto della posizione del ds Giuntoli su Lobotka, slovacco del Napoli ambito dai granata: «Non è in vendita», la dichiarazione ai microfoni della Rai. Una sentenza che va interpretata, tra le righe del mercato: Lobotka non è in uscita in prestito secco, ma può essere ceduto a fronte di una immediata acquisizione o con la formula del prestito con obbligo di riscatto (attorno ai 15 milioni di euro) […]

Leggi l’articolo completo sull’edizione digitale di Tuttosport

Precedente Il calvario di Sensi: "Gli infortuni mi hanno tolto il sorriso" Successivo Arbitri di A, il derby Lazio-Roma a Orsato

Lascia un commento