Torino, Juric annuncia: “Se non arriviamo in Europa vado via!”

Se non arriviamo in Europa, vado via“. Parole dirette e dure di Ivan Juric il giorno dopo il pareggio del suo Torino contro la Salernitana. Il tecnico granata è tornato nuovamente davanti alle telecamere per parlare del suo futuro e scusarsi con la tifoseria.

Juric annuncia: “Senza Europa vado via”

Se non vado in Europa, cosa ci faccio qui? – le prime parole di Juric sul suo futuro al Torino – Prendo altri soldi? Se vado in Europa, mi parlo e ragioniamo. Altrimenti, vuol dire che la parte sinistra è un grande risultato perché davanti abbiamo grandi squadre, ma cosa ci faccio qui senza Europa? Prendo i soldi e poi magari mi mandano a casa. Ma non è quello che voglio. Non dobbiamo vivacchiare. Il mio pensiero è questo: con i dirigenti e il presidente va bene, il Filadelfia è bellissimo abbiamo messo tutto. Abbiamo fatto un lavoro straordinario. Se vado in Europa, sto al Toro. Altrimenti, me ne vado via. Io non do risposte classiche. Ieri abbiamo fatto una brutta prestazione, ma nessuno ha mollato nemmeno ieri. I giocatori sono miei, hanno spirito Toro. Io con onesto e schiettezza direi anche che me ne vado. Si può dire di tutto, non che io non abbia avuto rispetto per società o per il lavoro. Ho detto a tutti di non parlare di rinnovo. Dentro di me, continuo a dirmi ‘che ci faccio qui?’. E’ dura competere con chi sta davanti. Qui non posso essere uno che prende solo i soldi”.

Juric, le scuse ai tifosi

Poi sulla bufera scaturita dopo il commento sui tifosi, con la battuta “Parte del pubblico non ha lo spirito”: “In questi due anni e mezzo abbiamo fatto cose favolose considerando come siamo partiti. abbiamo lavorato come cani per arrivare nella parte sinistra della classifica. Ora poteva andare tutto male, ma con lo spirito Toro dei miei ragazzi siamo una squadra credibile e non prende gol da tantissime partite e batte alcune big come Napoli e Atalanta. Io sono venuto al Toro perché qui c’è una storia, non è uno spirito qualcosa: questa è una ragione per la quale sono qua. Mi ha dato fastidio che la partita di Genova per me era stata fantastica, ma qui non era recepita così. La mia scusa è questa: se qualcuno si è offeso, non era mia intenzione. Non volevo offendere qualcuno o la storia del Toro, o i tifosi, mai mi è passato per la testa. Sono qui per ottenere un grande obiettivo. Abbiamo fatto tante cose, ora dobbiamo fare di più: non ci dormo la notte. Io forse faccio male a dire sempre la verità, forse dovrei essere più paraculo. Le parole di ieri erano di unione per ottenere un obiettivo fantastico e tutti ce lo meritiamo”


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Atalanta-Lazio, le pagelle: Rovella lento, Lazzari horror Successivo Capuano shock: "Mi chiesero di perdere una partita". Come è andata a finire

Lascia un commento