Torino, è già l’ora di Zapata. Juric: “Partirà titolare, è fantastico”

Grande entusiasmo intorno all’attaccante che ha chiuso il sontuoso mercato granata e domani guiderà il reparto offensivo contro il Genoa. Il tecnico non nasconde la sua soddisfazione: “Ci darà una grande mano”. Djidji si opera

Dal nostro inviato Mario Pagliara

2 settembre – TORINO

“Zapata domani gioca titolare”. Ivan Juric sembra sfregarsi le mani e per una volta lascia la pretattica nello spogliatoio. La Zapata-mania potrebbe aver contagiato anche lui, e allora perché aspettare? Domani, alle 18.30, il super colpo di mercato del Torino guiderà l’attacco contro il Genoa. “Zapata è un ragazzo mega simpatico, è arrivato con una volontà, un entusiasmo e una voglia di cui abbiamo bisogno – dice Juric -. É arrivato con un entusiasmo contagioso di cui avevamo molto bisogno. Ieri ha svolto il primo allenamento e ho percepito in lui una volontà fantastica di far bene. Sono convinto che se tutto va bene ci può dare una grossissima mano”. Ovviamente, alla vigilia, tiene banco Zapata più di qualsiasi altro argomento. “A Duvan ho chiesto di darci molto anche dal punto di visto dello spessore umano, di aggiustare quelle piccole cose che in due anni ci sono costati diciotto punti. Gli ho detto: dacci una mano anche in difesa, dacci malizia e aiutaci a livello umano”.

un altro toro

—  

C’è il Genoa all’orizzonte. Toro con Zapata, ma soprattutto Juric si aspetto tutto un altro Toro rispetto all’ultimo visto a Milano. “Col Milan siamo stati indecenti, mai vista una cosa così: è stata la mia più brutta partita tra i miei anni di Verona e Torino. Siamo concentrati su questa gara: voglio il piglio giusto, concentrazione massima, voglio rivedere il mio vero Toro. Quando sono arrivato a Torino, tre anni fa, avevo percepito che i calciatori vivessero in una confort-zone senza provare mai vergogna per i pessimi risultati. Questa sensazione della comfort-zone l’ho riavuta sabato sera a Milano, ora mi aspetto un Toro completamente diverso. Con i nostri pregi e i nostri limiti ma Toro. Sarà una finale, a livello umano: voglio capire chi sono i miei giocatori. E ci sarà qualcuno che non giocherà”. Cambiamenti in arrivo, ma non in difesa: “Abbiamo quei tre, Schuurs, Buongiorno e Rodriguez”.

mercato

—  

Si parla di mercato. “Il nostro mercato è stato giusto: sono state fatte cose giuste, e negli ultimi giorni è arrivato Zapata e siamo molto felici che sia con noi. In più sono molto contento di avere l’opportunità di continuare a lavorare con tutti i miei ragazzi dello scorso anno, con la premessa che abbiano la fame per spingere sempre forte”. Juric plaude al lavoro della società: “La società ha fatto delle cessioni, ma reinvestito e fatto tanti investimenti: credetemi, io come allenatore non dormo la notte. Perché mi preoccupo di come far crescere questi ragazzi. Sento una grandissima responsabilità: voglio che questi investimenti fatti dalla società fruttino. E diano soddisfazione alla società e ai tifosi”. Conclude il discorso dicendo: “Mi auguro che il gap con le altre squadre sia un po’ diminuito grazie al mercato. Ho grande fiducia nella mia squadra, voglio che continui il processo di crescita. Io guardo solo ai punti: l’obiettivo è fare più punti dell’anno scorso lavorando come dei pazzi. E non deve ripetersi Milano”.

djidji si opera

—  

Lunedì Djidji tornerà ad operarsi per la seconda volta, dopo giugno, per curare l’ernia inguinale dello sportivo. “Si deve operare nuovamente, resterà fuori per un periodo lungo. Per il nostro modo di giocare sarà una mancanza grossa”, conclude il tecnico croato.

Precedente Ligue 1, il Rennes trova un punto a Brest, Matic in campo per 90' Successivo Fiorentina, carica Italiano: "L'Inter è una corazzata, ma noi non abbiamo paura"