“Topo francese, traditore”: i tifosi dell’Atletico allontanano Griezmann

Griezmann con il trasferimento dell’estate 2019 dall’Atletico Madrid al Barcellona si è giocato tutto l’affetto che i Colchoneros potevano provare per lui. E ora che si parla di un possibile ritorno, su Twitter vola l’hashtag #GriezmannNoTeQueremos

Quando un calciatore lascia una squadra, un minimo di risentimento da parte della tifoseria è sempre normale. Soprattutto se il calciatore in questione fa davvero carte false per andarsene e alla fine approda anche a una rivale. Logico dunque che Antoine Griezmann con il suo trasferimento dell’estate 2019 dall’Atletico Madrid al Barcellona si sia giocato tutto l’affetto che i Colchoneros potevano provare per lui. Il fatto che il francese non solo abbia spinto per l’addio, ma che abbia addirittura fatto in modo di far pagare ai blaugrana meno della nuova clausola entrando in contatto con loro prima che il prezzo aumentasse, ha creato un solco incolmabile tra lui e la aficion del Wanda Metropolitano.

HASHTAG – E adesso, che succede con le voci di un suo ritorno? I giornali spagnoli non fanno altro che parlare di uno scambio con Saul, che porterebbe lo spagnolo al Camp Nou e il francese di ritorno a Madrid. Un’operazione dovuta alla necessità da parte dei blagurana di alleggerire il monte ingaggi. Spedendo il campione del mondo all’Atletico, il club catalano risparmierebbe gli oltre 20 milioni del suo stipendio, che farebbero davvero comodo per poter far firmare a Messi un nuovo accordo. Il problema è che adesso i tifosi dell’Atletico Madrid il grande ex…non lo vogliono. E a dimostrarlo c’è un hashtag su Twitter, #GriezmannNoTeQueremos, che spiega abbastanza chiaramente quale sia la posizione della tifoseria dei campioni di Spagna riguardo un eventuale ritorno al Wanda Metropolitano del transalpino.

TOPO – “Leggo che il topo francese ci avvicinerebbe alla Champions, ma vi ricordo che quando era qui abbiamo perso una finale con un suo errore dal dischetto”, spiega un tifoso colchonero. “L’Atletico è un modo di intendere la vita, non è un posto per traditori”, chiosa un altro sul possibile ritorno del Piccolo Diavolo. Un astio, quello della tifoseria, che non sembra essersi per nulla affievolito negli ultimi due anni. E che in qualche occasione ha anche creato qualche problema alla targa presente sul Paseo de Leyendas del Wanda e dedicata al giocatore, che è stata presa di mira con adesivi offensivi, graffi e persino con una lattina di birra già bevuta e gettata sopra in segno di sfregio. Ma ora, Simeone potrebbe bypassare la aficion e riportare…il topo a Madrid. E chissà come andrà a finire…

Precedente Dalla Juve all'Inter, che strani calendari. Sarà un campionato bello e incerto Successivo Milan, il giorno di Giroud: il programma del francese a Milano

Lascia un commento