Tonali prenota un derby da protagonista: “Daremo il 100%”

L’infortunio di Bennacer gli spalanca la stracittadina dopo una buona prova contro la Stella Rossa che fa ben sperare

La personalità che ha, e che quest’anno al Milan si è vista soltanto in poche circostanze, si è fatta largo con prepotenza nell’azione del rigore di Hernandez. Bravo a procurarselo e a realizzarlo, ovviamente, ma i sentiti ringraziamenti vanno doverosamente a Sandro Tonali. Un’azione imperiosa, muscolare e molto lucida che l’ha portato a uscire palla al piede dalla fase difensiva, quasi auto-lanciandosi in avanti, percorrendo sessanta metri fino all’imbeccata per Theo, caduto in area sotto la spinta di Rodic. Cenni di vita importanti e preziosi per questo ragazzo alle prese con una stagione maledettamente complicata sotto diversi punti di vista.

Palcoscenico

—  

A Belgrado aveva iniziato in panchina e probabilmente era destinato comunque a dare il cambio a Bennacer nel corso della ripresa. Ma non c’è stato il tempo perché la mala sorte ha sgambettato nuovamente l’algerino, togliendolo di scena dopo 39 minuti. Problema muscolare al flessore della gamba destra, recita amaramente la prima diagnosi. La stessa coscia che lo aveva tolto di scena per un mese e mezzo. Lo stop di Ismael spalanca dunque nuovamente il palcoscenico a Sandro, e va ricordato che pure lui non è che stesse attraversando un periodo di salute eccelsa. Cioè, tecnicamente recuperato, altrimenti non sarebbe stato convocato, ma è reduce da un problema muscolare che gli ha fatto saltare l’Inter in Coppa Italia, e poi da una borsite all’anca che lo ha costretto al forfait col Crotone. A proposito di derby: domenica toccherà a lui. L’auspicio del mondo rossonero ovviamente è che l’assenza di Bennacer sia il più breve possibile, ma nemmeno un miracolo potrebbe restituirlo in tempo per l’Inter.

Segnali

—  

Tonali domenica pomeriggio si piazzerà accanto a Kessie e se la vedrà con i chili e la corsa della mediana nerazzurra. Un crash test dùa cui però potrebbe uscire più forte, e che soprattutto potrebbe finalmente permettergli di imprimere una svolta positiva alla stagione. I segnali del Marakana fanno ben sperare. “Dovevamo gestire meglio la partita – ha detto dopo il 2-2 di Belgrado –. Siamo dispiaciuti, potevamo chiuderla e gestirla meglio senza concedere le occasioni finali. Dobbiamo mettere da parte la delusione consapevoli che però questo è un risultato comunque positivo in vista del ritorno. Resettiamo e pensiamo al derby, cercando di dare il 100%”.

Precedente Il Napoli cade a Granada: ora per gli ottavi si fa durissima Successivo Napoli con un piede fuori dall'Europa. E Gattuso perde un'altra pedina: "Dove si va così?"

Lascia un commento